Il 'dono' Ue per il rientro in classe: frutta, verdura e latte per gli studenti

In molti Paesi europei si è già tornati sui banchi. E con l'inizio del nuovo anno scolastico, riparte il programma della Commissione per promuovere un'alimentazione sana e una dieta equilibrata tra i più piccoli. L'Italia tra i maggiori beneficiari

Ben 250 milioni di euro per portare frutta, verdure e latte a oltre 20 milioni di studenti in tutta l'Unione europea. Con l'inizio di un nuovo anno scolastico, riparte il programma dell'Ue che mira a promuovere un'alimentazione sana e una dieta equilibrata attraverso la distribuzione dei prodotti del territorio, proponendo al contempo progetti educativi sull'agricoltura e la buona alimentazione.

L'Italia risulta tra i maggiori beneficiari del programma con ben 30 milioni di euro complessivi. “È importante adottare sane abitudini alimentari fin dalla tenera età. Grazie al programma scolastico dell'Ue, i nostri giovani cittadini non solo apprezzeranno i prodotti europei di qualità, ma impareranno anche a conoscere alimentazione, agricoltura, produzione alimentare e il duro lavoro che ne deriva", dice il commissario europeo all'Agricoltura Phil Hogan.

Per il periodo 2019-2020, 145 milioni di euro sono stati stanziati per frutta e verdura e 105 milioni di euro per latte e altri prodotti lattiero-caseari. Sebbene la partecipazione al regime sia volontaria, tutti gli Stati membri dell'Ue hanno scelto di partecipare, per una sezione o per tutto il regime. Le assegnazioni nazionali per i Paesi Ue che partecipano al programma per questo anno scolastico sono state approvate e adottate dalla Commissione europea nel marzo 2019. I Paesi possono anche integrare gli aiuti dell'Ue con fondi nazionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • “Succhi di frutta gratuiti per bisognosi pagati da Bruxelles 4,25 euro al litro”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento