Centinaio: "Necessario tornare a finanziare ricerca in agricoltura"

Il ministro annuncia la creazione di "una agorà" con i soggetti interessati per studiare le linee di intervento su cui coinvolgere il mondo scientifico

"In questo momento c'è bisogno che la politica, le istituzioni e il Mipaaft siano dalla parte della ricerca. Il mondo dell'agricoltura italiana è un mondo che guarda alla tradizione, a quello che c'è stato lasciato ma è certamente un mondo che deve guardare all'innovazione attraverso il supporto di regole da parte delle istituzioni e, soprattutto, di fondi". Lo ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole alimentari Gian Marco Centinaio durante una visita all'Istituto Sperimentale Italiano ''Lazzaro Spallanzani'' di Rivolta d'Adda (Cr).

"Sono convinto - sottolinea Centinaio - che sia necessario ritornare a finanziare la ricerca sia con i fondi pubblici e sia con un' agevolazione fiscale nei confronti di tutti quei privati che sono disponibili ad aiutare questo settore". " In questo momento - prosegue il ministro - abbiamo una visione specifica all'interno del Mipaaft. In particolare, l'obiettivo principale sarà quello di aprire una agorà all'interno del quale inserire la ricerca scientifica per comprendere insieme al mondo agricolo e alle associazioni di categoria, che per me rimangono gli interlocutori principali, la direzione da intraprendere per capire dove vogliamo portare il mondo agricolo italiano. Tutto quello che la ricerca fa per l'agricoltura è fondamentale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salvini non mangia la Nutella "turca". Ma le nocciole italiane non piacciono agli ambientalisti

  • "Provocano autismo", Ue vieta 2 pesticidi. Ma governo e Lega: "Servono contro cimice asiatica"

  • Agrinsieme contro la sugar tax: “Colpo di grazia al comparto saccarifero e dei succhi di frutta”

  • "La transumanza sia patrimonio dell'umanità Unesco"

  • L'italiana Nuova Castelli ai francesi di Lactalis: ok dell'Ue

  • Unesco: “La transumanza è patrimonio culturale dell’umanità”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento