Clima, efficienza energetica e rinnovabili: intesa Ue su nuovi target

Secondo l'accordo raggiunto tra Parlamento e Consiglio europei, verranno stabiliti due obiettivi vincolanti entro il 2030

L’Aula del Parlamento europeo voterà a novembre i due accordi su efficienza energetica ed energia rinnovabile chiusi dalle commissioni parlamentari competenti, Ambiente e Industria. Gli accordi finali con il Consiglio dell’Ue stabiliscono un obiettivo vincolante del 32,5% di miglioramento dell’efficienza energetica entro il 2030 e un obiettivo vincolante del 32% di energia rinnovabile nell’Ue entro il 2030.

“Questo è il primo grande passo verso una rivoluzione energetica che si applicherà anche ai trasporti, così come ai settori del riscaldamento e della climatizzazione”, sostiene il negoziatore del Parlamento per le energie rinnovabili, José Blanco (S&D). “Stiamo gettando le basi per una futura economia pulita e a zero emissioni, che farà risparmiare all’Europa milioni di euro nelle importazioni di carburante e migliorerà la nostra salute e l’ambiente”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come spiega, l’accordo trovato stabilisce il diritto all’autoconsumo, al pari di quello di produzione, immagazzinamento e vendita dell’eccesso di produzione di elettricità rinnovabile. Ancora, si riconosce il diritto di essere remunerati per l’elettricità immessa nella rete. Sul fronte prettamente più agricolo, i biocarburanti ad elevato utilizzo indiretto del suolo (Iluc) saranno gradualmente eliminati attraverso un processo di certificazione per i biocarburanti a basso utilizzo di suolo, sarà stabilito in seguito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'hamburger vegano della Nestlè non potrà più essere "Incredible"

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

  • La pandemia stimola l'agricoltura 4.0: robot e droni per sostituire i braccianti

  • Fondi Ue, ecco perché ora la Commissione vuole investire di più in sviluppo rurale

  • Migranti, al via le regolarizzazioni: “Ma non basteranno, servono altri 150mila braccianti dall'Est Europa”

  • Modifiche genetiche, “fateci usare le biotecnologie”. L’appello degli agricoltori britannici

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento