Bioetanolo contro petrolio, la grande guerra dei carburanti

Il primo, più ecologico e potenzialmente più economico, potrebbe scalzare il secondo. Ma l'industria fa resistenza

Ansa PA/ROBERT SCHLESINGER

Il bioetanolo vuole essere l’alternativa ai carburanti tradizionali, che però di cedere il passo alle nuove soluzioni non ne vogliono sapere. I produttori statunitensi di etanolo hanno ammesso che l'industria petrolifera è il loro principale concorrente, interessato solo a preservare la sua quota di mercato. “Siamo in competizione con la forza politica più potente, che è il petrolio. E se noi guadagniamo quote di mercato, loro le perdono”, ha affermato Doug Berven, vice presidente degli affari societari presso l'impianto di etanolo Poet, in occasione della conferenza delle Nazioni Unite sul clima.

L’etanolo è effettivamente un’alternativa ‘pericolosa’ per la lobby del petrolio. Questa sostanza non è derivata del greggio, ma frutto del processo di fermentazione e distillazione della canna da zucchero. Insomma, si coltiva, e ha costi di produzione minori di quelli affrontati per immettere sul mercato benzina e gasolio. Non ci sono costi estrattivi e di raffinazione. Inoltre l’etanolo è considerato meno inquinante. Ma a sentire cosa dicono gli addetti ai lavori, il mondo del petrolio è decisa a difendere il proprio business.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Tre le molte cose sui Biocarburanti che NON vi raccontano in questi articoli farlocchi, ad esempio, c'è questa: provate a mettere un litro di Biodiesel in un vaso di vetro e lasciarlo riposare un mese, poi prendete un litro di diesel "tradizionale" e fate la stessa cosa; ebbene, finche e' nel vaso la proporzione d'acqua che si crea nel Biodiesel lasciandolo fermo non fa danni, immaginatevelo nel serbatoio della vostra auto..

    • e cosa vorrebbe dire, in un mese faccio il pieno due volte almeno, se non usi i veicoli per un mese di fila pure l'olio di qualità va a put****

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • Ambiente&Clima

    Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • Filiera

    La crisi dell zucchero italiano, appello all'Ue: "Servono misure straordinarie"

  • Ambiente&Clima

    Pesticidi, Parlamento Ue: "Più trasparenza sulle autorizzazioni al commercio"

I più letti della settimana

  • Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • La pizza "italiana" vale 15 miliardi

  • Brexit senza accordo? "Pesanti conseguenze per agroalimentare italiano"

  • Il biologico sotto accusa: "Inquina ed è antieconomico". FederBio: "Tesi vecchie e già smentite"

  • Animalisti contro gli allevamenti delle quaglie: vivono nello spazio di uno smartphone

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento