La polpetta di ‘carne’ vegetale arriva in Italia: “È ottenuta dalle proteine dei piselli” 

Ideata negli Usa, sarà distribuita dal bistrot Paulpetta. Gli ingredienti non contengono glutine, soia e Ogm

Le polpette vegetariane di Beyond Meat

Parte da Monza la prima avventura delle polpette di ‘carne’ bio ideate negli Stati Uniti. Si tratta dei prodotti dell’azienda californiana Beyond Meat (letteralmente “oltre la carne”), che garantiscono un minore impatto ambientale del cibo 100% vegetale. Il bistrot Paulpetta si è aggiudicato il ruolo di pioniere nel nuovo mercato nel cibo sostitutivo della carne animale.

Per la fondatrice del ristorante, Viviana Veronesi, si tratta di “uno splendido punto di partenza per una ri-evoluzione in campo alimentare”. “Un prodotto eccezionale - assicura - che consente una riduzione del consumo di carne animale e un successivo ridimensionamento di allevamenti intensivi e, di conseguenza, delle emissioni di CO2 nell’atmosfera”. 

L’azienda californiana che produce le polpette di ‘carne’ vegetale assicura che la materia prima, ottenuta dalle proteine dei piselli, garantisce una riduzione del consumo di acqua (-99%), suolo (93%) ed energia (-50%), oltre che l'abbattimento delle emissioni di gas serra (-90%) rispetto a quelle prodotte grazie all'allevamento animale. A livello nutrizionale, non contiene glutine, soia e Ogm. 

Con l’esordio in Italia, il gigante delle ‘carni’ senza carne Beyond Meat spera di entrare in un mercato da sempre restio e scettico ai cambiamenti in campo culinario, dove la tradizione ha spesso vinto sull’innovazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio, la Spagna accusa l'Italia: "Prezzi troppo alti". E chiede intervento Ue

  • Xylella, la peste degli ulivi raggiunge la Francia meridionale

  • "No a tagli ai fondi Ue per l'agricoltura", 14 Regioni lanciano manifesto sulla Pac

  • "La pesca 'cancellata' dalla Commissione Ue", la Lega contro von der Leyen

  • "La 'carne' vegetariana è troppo salata, si rischia l'ipertensione"

  • Pane e cereali, in Italia costano il 18% in più della media Ue

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento