"No a tagli ai fondi Ue per l'agricoltura", 14 Regioni lanciano manifesto sulla Pac

L'appello di Agriregions, coalizione europea di cui fa parte anche l'Emilia Romagna: "Servono risposte più mirate e puntuali alle esigenze dei territori"

No al taglio del budget Ue e a qualsiasi ipotesi di un ritorno alle singole politiche agricole nazionali, cioè una sorta di rinazionalizzazione della Pac (Politica agricola comune), sì alla difesa e al rafforzamento dell'autonomia delle Regioni nella definizione e attuazione degli interventi a favore delle imprese "verdi", in particolare per quanto riguarda la gestione dei fondi per lo sviluppo rurale. E' quanto chiedono 14 Regioni europee nel loro "Manifesto per una Politica agricola comune più giusta e sostenibile", sottoscritto a Rennes, in Bretagna.

Le Regioni, tra cui l'Emilia Romagna, fanno parte della coalizione Agriregions. Nel loro manifesto, indicano alcuni obiettivi prioritari: valorizzare la specificità dei diversi sistemi produttivi, che rappresentano la ricchezza stessa dell'agricoltura europea; promuovere la qualità delle produzioni e la sostenibilità ambientale, sostenere la ricerca e l'innovazione; semplificare e velocizzare le procedure burocratiche. Tutto ciò per dare risposte più mirate e puntuali alle esigenze dei territori e tutelare in maniera più efficace il reddito delle aziende agricole, difendendo la possibilità di decidere a livello periferico come spendere al meglio le risorse avute in assegnazione da Bruxelles.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La mafia 'agricola' vale 24,5 miliardi"

  • Le diete scorrette hanno provocato 98mila morti in un anno. Più del fumo

  • "Ue vieti additivo E171 per caramelle e sughi, mette a rischio la salute"

  • Batteria contro semaforo, la controffensiva italiana al bollino rosso su Grana e crudi

  • Vino senza frontiere, i produttori Ue e Usa uniti contro i dazi

  • Nutri-score, proposta per renderlo obbligatorio nell’Ue. Il ‘padre’ del semaforo: “Noi contro l’Italia? Falso”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento