Dalle vasche al ripopolamento dei fiumi: la trota biologica delle Dolomiti

A Predazzo, l'impresa di Renato Dell'Antonio. "Pochi pesci nelle vasche, crescita lenta e rispetto dell'ambiente"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Viaggio nell'azienda di acquacoltura di Renato Dell'Antonio, a Predazzo. Dove l'economia circolare e il rispetto per l'ambiente la fanno da padrone: tutto viene riutilizzato, dagli scarti di lavorazione, che diventano cibo biologico per cani, ai depositi delle vasche, che diventano concime. Mentre le trote (rigorosamente "a crescita lenta") una volta mature vengono portate in parte nei fiumi vicini. Per ripopolarli. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Fake & Fact

    La frutta fa male ai diabetici?

  • Infografiche

    Pratiche sleali, ecco come l'Ue proteggerà gli agricoltori

  • AgroTools

    “Più qualità e puntare sulla cultura del consumatore”

  • AgroTools

    “Tutelare la nostra agricoltura, solidarietà non impoverisca produttori europei”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento