Dalle vasche al ripopolamento dei fiumi: la trota biologica delle Dolomiti

A Predazzo, l'impresa di Renato Dell'Antonio. "Pochi pesci nelle vasche, crescita lenta e rispetto dell'ambiente"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Viaggio nell'azienda di acquacoltura di Renato Dell'Antonio, a Predazzo. Dove l'economia circolare e il rispetto per l'ambiente la fanno da padrone: tutto viene riutilizzato, dagli scarti di lavorazione, che diventano cibo biologico per cani, ai depositi delle vasche, che diventano concime. Mentre le trote (rigorosamente "a crescita lenta") una volta mature vengono portate in parte nei fiumi vicini. Per ripopolarli. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Le Storie

    "Con i fondi Ue per l'agricoltura creo lavoro per i giovani con disabilità"

  • Fake & Fact

    Le barrette energetiche possono sostituire un pasto?

  • Le Storie

    A irrigare i campi ora ci pensa l'intelligenza artificiale. Riducendo lo spreco d'acqua (e i costi)

  • Le Storie

    "Pannelli solari, varietà antiche e ristorante: così ho ridato vita alla cantina di famiglia"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento