A Sarno, dal 1903, il pomodoro San Marzano si fa a mano. E adesso si usa anche l'acqua marina

Un metodo antico che continua a essere portato avanti dalla DaniCoop della famiglia Ruggiero: "Zero impatto ambientale ed esportiamo in tutto il mondo"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

DaniCoop è una cooperativa agricola che si occupa di produrre il pomodoro San Marzano dop a Sarno, nel Salernitano. Lo fa dal 1903, con un metodo che negli anni è rimasto sempre fedele a se stesso: "Da noi è tutto manuale, dal trapianto al raccolto - spiega Paolo Ruggiero, che rappresenta la quarta generazione di coltivatori - Anche l'irrigazione si fa come una volta. E' una coltivazione a bassissimo impatto ambientale: non ci sono motori, emissioni. Il nostro pomodoro è il più naturale al mondo, anche perché da un anno viene prodotto con l'acqua marina". Un pomodoro d'eccellenza che oggi viene commercializzato in tutto il mondo con il marchio "Gustarosso".

Potrebbe Interessarti

  • Nel fiume "dimenticato" di Palermo crescono nespole e banane

  • Il contadino che condivide la terra con i suoi clienti. E che vuole riportare in vita il "Popone"

  • "Per non fuggire dalla Sicilia, abbiamo creato un'azienda agricola", la scommessa di 4 fratelli

  • Il metodo Montessori tra i campi: "Insegniamo ai bimbi a cucinare con i prodotti della terra"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento