Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come un'azienda confiscata alla mafia diventa fattoria sociale

Si chiama Terra d'Incontro ed è stata creata nel 2012 a Casamassima, in provincia di Bari, da cinque giovani "appassionati della propria terra"

 

Un pezzo del patrimonio della mafia trasformato in luogo di produzione di ciliegie, uva e olive. E anche e soprattutto, terra di legalità dove portare avanti progetti dall'alto impatto sociale. E' quello che sono riusciti a fare cinque giovani con percorsi professionali diversi che nel 2012 hanno riscattato un'azienda confiscata alla mafia trasformandola in una masseria didattica e fattoria sociale: si chiama Terra d'Incontro e sorge a Casamassima, nel Barese. "Produciamo ciliege, una da tavola e olive, prodotti che commercializziamo  e con cui realizziamo conserve e olio - spiega Daniela Carofiglio, una dei responsabili della struttura - Facciamo anche progetti rivolti al sociale, come uno rivolto alla formazione di ragazzi che hanno avuto problemi di dispersione scolastica".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento