Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbattere la burocrazia nella Pac per favorire il ritorno dei giovani alla terra", l'appello di Luna

La vicenda di Fabiana Fassi e di altre quattro donne che a Secli', in provincia di Lecce, hanno ridato vita a un pezzo di territorio nel nome della tradizione e del sociale. E che da 3 anni attendono i fondi Ue

 

Si chiama Luna ed è un laboratorio rurale nato per volontà di 5 donne pugliesi: nel 2014 hanno preso in gestione una struttura di proprietà della locale parrocchia, a Secli', nel Leccese, e hanno avviato una serie di attività agricole e sociali, nel nome del biologico e del recupero della tradizione, come l'albicocca di Galatone. Un lavoro che per i primi tempi è stato incentrato sul volontariato, ma che ha visto anche progetti sociali come quello che ha coinvolto alcuni richiedenti asilo nella coltivazione della canapa da cui produrre tisane e prodotti tessili. "Dopo 3 anni di lavoro volontario abbiamo ottenuto un finanziamento da un'organizzazione privata, la Fondazione Sud, per la valorizzazione di terreni incolti - racconta Fabiana Fassi, una delle 5 donne dell'associazione - Tre anni fa, abbiamo partecipato al bando della Regione Puglia nel quadro della Pac per progetti di primo insediamento. L'esito del bando è stato rinviato più volte per una serie di ricorsi alla Regione e ancora non abbiamo ricevuto alcuni finanziamento, anche se sappiamo di essere ammissibili". Da qui l'appello: "La Pac è una grande opportunità - dice Fassi - ma deve essere più accessibile anche a chi non proviene dal mondo agricolo e intende entrarci per innovare e far rivivere il territorio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento