Dal campo (italiano) alla tavola, Findus: "Ecco il nostro minestrone sostenibile"

Filiera corta, trasparenza e prodotti 100% tricolore: viaggio nello stabilimento della multinazionale di Cisterna di Latina

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Quello che si cela dietro i minestroni e gli altri prodotti agroalimentari surgelati è spesso oggetto di misteri e polemiche. Lo sanno bene soprattutto le multinazionali come Nomad Food, da noi meglio conosciuta come Findus. Che proprio per far fronte a questi rischi ha deciso di puntare tutto su filiera corta, massima trasparenza nei confronti del consumatore e prodotti 100% italiani. Il primo risultato è il nuovo Minestrone Tradizione, realizzato nello stabilimento di Cisterna di Latina, che sarà composto solo di verdure italiane provenienti dall’agro pontino, dalla piana del Fucino, da Puglia, Marche, Abruzzo, Calabria e Liguria. Steven Libermann, general manager di Findus Italia, spiega: “Entro i prossimi 7 anni tutti i nostri prodotti ittici e i nostri vegetali saranno approvvigionati in modo responsabile; il nostro impegno è portare sulle tavole dei consumatori prodotti sani e nutrienti per favorire scelte alimentari corrette. Allo stesso tempo vogliamo migliorare l’impatto sull’ambiente delle nostre produzioni e stiamo mettendo in atto una serie di operazioni che ci porteranno a ridurre le emissioni di co2 e ad adottare un packaging interamente riciclabile per i nostri prodotti entro il 2022, già oggi lo sono il 70% delle nostre confezioni”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Le Storie

    "Con i fondi Ue per l'agricoltura creo lavoro per i giovani con disabilità"

  • Fake & Fact

    Le barrette energetiche possono sostituire un pasto?

  • Le Storie

    A irrigare i campi ora ci pensa l'intelligenza artificiale. Riducendo lo spreco d'acqua (e i costi)

  • Le Storie

    "Pannelli solari, varietà antiche e ristorante: così ho ridato vita alla cantina di famiglia"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento