"In mare da 38 anni, oggi pesco con l'innovazione. E combattendo contro l'inquinamento"

La storia di Salvatore Molino: "Le cassette da portare al mercato di Catania sono sempre meno"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Salvatore Molino ha già passato la maggior parte dei suoi 38 anni in mare, con il motopeschereccio di famiglia, il Maria Lucia, e il suo più grande desiderio è quello di continuare a fare il mestiere che ama. La sua base operativa è il porto di Catania, ma l’equipaggio non può utilizzare la sua tecnica principale - lo “strascico” - nel golfo etneo, a causa delle restrizioni previste dalla legge. Per pochi mesi l’anno, si concentrano sulla pesca con il “palangaro” al pesce spada. La tecnologia si è evoluta in questi anni, sviluppando per esempio sofisticati ecoscandagli che permettono di individuare con precisione i banchi di pesce in profondità. Ma le cassette da portare al mercato di Catania, in cui i Molino hanno una propria postazione, sono sempre di meno a causa dell’inquinamento del Mediterraneo.

Potrebbe Interessarti

  • Nel fiume "dimenticato" di Palermo crescono nespole e banane

  • Il contadino che condivide la terra con i suoi clienti. E che vuole riportare in vita il "Popone"

  • "Per non fuggire dalla Sicilia, abbiamo creato un'azienda agricola", la scommessa di 4 fratelli

  • Il metodo Montessori tra i campi: "Insegniamo ai bimbi a cucinare con i prodotti della terra"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento