"Con i custodi di semi e i racconti degli anziani, abbiamo recuperato le colture tradizionali"

A Terre Altre, nella Val di Fiemme, si ridà vita alla tradizione agricola del territorio facendo agricoltura sociale. Nonostante i paradossi della burocrazia

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Fare agricoltura sociale recuperando le tradizioni del territorio custodite nella memoria e nei semi degli anziani contadini. E' l'impresa riuscita alla cooperativa Terre Altre di Castello-Molina di Fiemme, nel Trentino. Il racconto di come è nata l'azienda e le difficoltà quotidiane nelle parole di Loredana Cavada.

Potrebbe Interessarti

  • Nel fiume "dimenticato" di Palermo crescono nespole e banane

  • Il contadino che condivide la terra con i suoi clienti. E che vuole riportare in vita il "Popone"

  • Il metodo Montessori tra i campi: "Insegniamo ai bimbi a cucinare con i prodotti della terra"

  • "Per non fuggire dalla Sicilia, abbiamo creato un'azienda agricola", la scommessa di 4 fratelli

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento