Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Con i fondi Ue ho eliminato il diserbo chimico: così i miei ortaggi rispettano l'ambiente e tutelano i consumatori"

L'iniziativa imprenditoriale di Enrico Nascimben, che ha preso in mano l'eredità del nonno. Innovandola

 

Alle "Terre di Carlo", a Rovarè di San Biagio di Callata (Treviso), Enrico Nascimben coltiva un po' di tutto, dai cereali agli ortaggi, tra cui pomodori, peperoni, melanzane, asparagi e il "classico" radicchio. Lo fa dal 2017, da quando ha deciso di aprirsi la partita Iva e prendere in mano l'attività del nonno, lui che viene da generazioni di contadini. "Sono nato in mezzo ai campi - racconta - Da quando sono diventato imprenditore, ho deciso di optare per la vendita diretta, senza passare dalla grande distribuzione, e questo perché la gente apprezza di più il prodotto e i margini di guadagno sono più alti". I fondi europei del Psr li ha usati subito per apportare una piccola-grande innovazione: "Ho ottenuto dei finanziamenti per acquistare una serie di macchinari, tra cui uno apposito per gli ortaggi: questo macchinario fa il diserbo meccanico evitando quello chimico. In questo modo, si valorizza il prodotto, si rispetta l'ambiente e si tutelano i consumatori", conclude. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento