L'aceto balsamico che ha stregato Mark Zuckerberg

Il fondatore di Facebook nell'acetaia di Villa San Donnino, a Modena. Dove da decenni di produce uno dei prodotti italiani più amati all'estero

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Presso Villa San Donnino, nei pressi di Modena, si produce da decenni, se non secoli, l'aceto balsamico tradizionale, un prodotto che basa le proprie radici su batterie di legno antiche anche 400 anni. La produzione segue alla lettera ciò che esige la tradizione e per questo motivo il prodotto finale è un aceto balsamico che si può dire tradizionale, molto più vicino ad un digestivo che ad un più comune aceto. Se la Villa era già famosa per la sua struttura liberty, lo è diventata ancora di più nel mondo grazie alla produzione di questo "oro nero", portando in visita presso l'acetaia personaggi di tutto il mondo, tra cui il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg. La produzione annuale è tale da rendere questa acetaia una piccola realtà, che tuttavia sfida il mercato attraverso una qualità difficile da raggiungere

Potrebbe Interessarti

  • Nel fiume "dimenticato" di Palermo crescono nespole e banane

  • Il contadino che condivide la terra con i suoi clienti. E che vuole riportare in vita il "Popone"

  • Il metodo Montessori tra i campi: "Insegniamo ai bimbi a cucinare con i prodotti della terra"

  • "Per non fuggire dalla Sicilia, abbiamo creato un'azienda agricola", la scommessa di 4 fratelli

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento