Centinaio lamenta “troppi interlocutori per la promozione dell'export italiano”

Il ministro: “Quando i cinesi parlano con altre nazioni ne hanno al massimo due, quando guardano la penisola ne trovano troppi e questo non aiuta”

L'Italia deve organizzarsi meglio per promuovere il suo export con altre nazioni. Al momento ci sono troppi enti con voce in capitolo e questo non aiuta i Paesi stranieri. La critica arriva dal ministro per le Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, durante il suo intervento alla sessione di apertura della quinta edizione di 'wine2wine' a Veronafiere. "Ci stiamo proponendo in giro per il mondo non nel migliore dei modi", ha osservato Centinaio, spiegando che "noi per il business ci confrontiamo con realtà che hanno al massimo due o tre interlocutori; quando ti trovi davanti un interlocutore che ha le fiere, l'Ice, l'Enit, le Camere di commercio, le Camere di commercio estere, le Regioni, i Comuni, i Consorzi, se potessero anche le province. E poi i privati, che vanno per i fatti loro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Pensate a un cinese - ha continuato - che è abituato a parlare al massimo con due francesi, due tedeschi, due spagnoli, figuriamoci con gli americani. Immaginate cosa può pensare dell'Italia quando siamo così tanti e tutti dicono cose diverse? Semplice: che non siamo organizzati. E sceglie interlocutori già organizzati. Nessuno vuole perdere quel pezzettino di potere per andare il giro per il mondo e far vedere quanto è bravo a portare una delegazione del suo territorio. Forse è necessario far sedere tutti attorno allo stesso tavolo, chi ha la capacita di poterlo fare e, ahimè, non è il ministro dell'agricoltura. Le regole d'ingaggio sono così. Al tavolo per l'internazionalizzazione hanno parlato tutti, ma poi non è cambiato niente" ha concluso Centinaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento