Dazi, da Pechino via libera alle importazioni di riso dagli Usa

I prodotti dovranno però superare i controlli sia negli Stati Uniti che in Cina

Un nuovo segnale di distensione nella guerra dei dazi tra Usa e Cina. Pechino ha dato un altro segale di disponibilità dopo la tregua di tre mesi con gli Washington. L'amministrazione doganale del Paese ha approvato l'importazione di riso dagli Stati Uniti, o meglio acconsente all'ingresso in Cina di quel riso americano che supererà i controlli sanitari dei suoi ispettori. Gli esportatori Usa dovranno superare gli esami del loro dipartimento all'Agricoltura e quelli previsti dalle leggi sanitarie del colosso asiatico, il cui scopo è quello di proteggere le piante dalle malattie.

Il dipartimento dell'Agricoltura di Washington nel 2017 definì una intesa con Pechino "un'opportunità eccezionale" per l'industria del riso Usa, a cui gli esperti americano "hanno lavorato per decenni". Il semaforo verde di Pechino sul riso fa seguito alla ripresa degli acquisti di soia Usa e allo stop ai rincari tariffari della Cina sulle importazioni di auto Usa. Inoltre domenica scorsa una commissione del Parlamento cinese ha approvato una bozza di legge che consentirà alle vittime di furti sulla proprietà intellettuale, cioè alle società Usa che si sentono danneggiate in questo senso dai cinesi, di avanzare "richieste punitive di risarcimento danni".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Ambiente&Clima

    "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • Ambiente&Clima

    Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • Filiera

    La crisi dell zucchero italiano, appello all'Ue: "Servono misure straordinarie"

  • Ambiente&Clima

    Pesticidi, Parlamento Ue: "Più trasparenza sulle autorizzazioni al commercio"

I più letti della settimana

  • Pesca elettrica, M5s a Ue: "No a proroghe, sia bandita entro agosto"

  • "Basta olio di palma nel diesel", a Bruxelles la petizione con oltre 500mila firme

  • La pizza "italiana" vale 15 miliardi

  • Brexit senza accordo? "Pesanti conseguenze per agroalimentare italiano"

  • Il biologico sotto accusa: "Inquina ed è antieconomico". FederBio: "Tesi vecchie e già smentite"

  • Animalisti contro gli allevamenti delle quaglie: vivono nello spazio di uno smartphone

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento