Ogm, Bruxelles autorizza l'importazione di 5 varietà di mais e barbabietola

L'ok dopo che gli Stati membri non hanno raggiunto un'intesa sul da farsi. L'import valido per 10 anni. Vietata la coltivazione nel territorio Ue

La Commissione europea ha autorizzato l'uso in Ue di cinque organismi geneticamente modificati per alimenti e mangimi. Si tratta di due nuove licenze per altrettante varietà di mais e di tre rinnovi di autorizzazione, per due mais e una barbabietola.

La decisione, che non riguarda la coltivazione, arriva dopo che i Paesi membri non hanno raggiunto un'intesa sia nel comitato di autorizzazione che in quello di appello. Le autorizzazioni sono valide per 10 anni e, ricorda in una nota la Commissione europea, tutti i prodotti ottenuti da questi ogm saranno soggetti alle regole di etichettatura e tracciabilità dell'Ue. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli ogm interessati sono stati sottoposti alla completa valutazione scientifica da parte dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Si tratta di: mais MON 87427 x MON 89034 x NK603, mais 1507 x 59122 x MON 810 x NK603, mais DAS-59122-7, mais GA21 e barbabietola da zucchero H7-1. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento