Europarlamento chiede la verifica del rispetto delle norme sul trasporto animali

In tanti violano il divieto di farli viaggiare quando le temperature sono troppo alte causando la morte di molti esemplari

Il Parlamento europeo intende fare chiarezza sul trasporto di animali provenienti dai Paesi terzi, in particolare la Turchia, da cui entrano capi attraverso la frontiera con la Bulgaria. Gli eurodeputati europei della commissione Petizione hanno deciso di non chiudere i dossier aperti sul tema a seguito delle raccolte firme depositate da cittadini europei e associazioni. Tra queste ultime spicca in particolare Animal Welfare Foundation, la cui portavoce è l'avvocatessa Manuela Giacomini, ascoltata dagli europarlamentari in audizione.

Le denunce della Ong

Negli ultimi anni l’organizzazione non governativa ha presentate diverse denunce formali, per chiedere alla Commissione europea di avviare procedure d’infrazione contro gli Stati membri. Il motivo sarebbe il non rispetto della normativa comunitaria che stabilisce di non spostare animali ad alte temperature. Il caldo eccessivo è motivo, a volte, di morti animali durante il viaggio, e per questo motivo vietato. Eppure si agirebbe in barba alle regole.

Evi (M5s): "Serve commissione d'inchiesta"

“Stiamo lavorando a un a rapporto di attuazione per vedere se la direttiva europea è violata”, rivela l’europarlamentare del Movimento 5 Stelle, Eleonora Evi. “Ben 223 europarlamentari – ricorda – hanno richiesto più volte d'istituire una commissione d'inchiesta per fare luce sulle violazioni denunciate, ma con un colpo di mano i presidenti dei gruppi politici hanno deciso di no, senza neanche far votare la Plenaria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Sono vettori di Coronavirus”, la Cina mette al bando il consumo di animali selvatici

  • Con la Brexit il Regno Unito pronto ad aprire al pollo Usa lavato con gli acidi

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Pollo al cloro, l’Ue avverte il Regno Unito: “In Europa non entra”

  • Effetto coronavirus: boom di vendite di prodotti alimentari, ma nessun problema di rifornimenti

  • Coronavirus, “lavoratori rumeni in quarantena, a rischio il made in Italy”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento