"Stop ai dazi sul riso", la Cambogia scrive all'Ue

Le tariffe erano state reintrodotte come misura di salvaguardia a tutela dei risicoltori europei, su richiesta dell'Italia

La Cambogia e la Cambogia Rice Federation hanno chiesto alla Corte di giustizia Ue di annullare il regolamento di esecuzione 2019/67 della Commissione europea, con cui l'Esecutivo Ue ha reintrodotto i dazi sulle importazioni di riso Indica da Cambogia e Birmania/Myanmar.

Lo hanno reso noto le autorità di Phnom Penh, come rende noto l'Ansa. I dazi, che erano a zero in virtù degli accordi commerciali preferenziali dell'Ue, erano stati reintrodotti come misura di salvaguardia a tutela dei risicoltori europei, su richiesta dell'Italia con l'appoggio di Spagna, Francia, Portogallo, Grecia, Romania, Bulgaria e Ungheria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue vieta un pesticida anti-cimice asiatica: "Uccide le api"

  • "La mafia 'agricola' vale 24,5 miliardi"

  • Batteria contro semaforo, la controffensiva italiana al bollino rosso su Grana e crudi

  • Le diete scorrette hanno provocato 98mila morti in un anno. Più del fumo

  • "Ue vieti additivo E171 per caramelle e sughi, mette a rischio la salute"

  • “Etichette Ue per scoraggiare consumo di grassi trans, olio di palma e zucchero”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento