"Mangiare troppi cibi industriali fa male al cuore"

L'allarme dei Center for Disease Control and Prevention degli Usa. Sotto accusa bevande zuccherate, biscotti, torte e altri alimenti trasformati

Bevande zuccherate, biscotti, torte e altri alimenti trasformati. Sono questi alcuni dei prodotti industriali contro cui punta il dito uno studio statunitense, secondo cui mangiare troppi cibi industriali e ultra-trasformati peggiora la salute cardiovascolare.

I ricercatori dei Center for Disease Control and Prevention negli Usa hanno scoperto che per ogni aumento del 5% delle calorie da alimenti 'industriali', si verifica una corrispondente riduzione della salute cardiovascolare generale. Non solo, gli adulti che assumevano circa il 70% delle calorie da alimenti ultra-elaborati avevano la metà delle probabilità di presentare una salute cardiovascolare "ideale", rispetto a quanti si limitavano al 40%.

Gli alimenti sono stati suddivisi in vari gruppi in base a quanto e a quale trasformazione industriale erano stati sottoposti. Gli alimenti ultraelaborati sono composti interamente o principalmente da sostanze quali grassi, amidi, grassi idrogenati, zuccheri aggiunti e altri composti, e contengono additivi come aromi artificiali, coloranti o emulsionanti. "Le diete salutari svolgono un ruolo importante nel mantenere sani cuore e vasi sanguigni", ha affermato Zefeng Zhang, epidemiologo dei Cdc. "Mangiare cibi ultra-trasformati spesso sostituisce cibi più sani che sono ricchi di sostanze nutritive, come frutta, verdura, cereali integrali e proteine magre, fortemente legate alla buona salute del cuore. Inoltre gli alimenti ultra-trasformati sono spesso ricchi di sale, contengono zuccheri aggiunti, grassi saturi e altre sostanze associate all'aumento del rischio di malattie cardiache", aggiunge. 

Secondo Donna Arnett, presidente dell'American Heart Association, "ci sono cose che puoi fare ogni giorno per migliorare un po' la tua salute. Per esempio, invece del pane bianco sceglilo integrale. Prova a sostituire un hamburger con il pesce una o due volte a settimana", suggerisce l'esperta, perché anche "piccole modifiche possono contribuire a migliorare la salute del cuore". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Coldiretti lancia l'Sos presepe: dalle stalle spariti 2 milioni di animali

  • Pesticidi, Parlamento Ue: "Pac ne incentivi la riduzione"

  • Semaforo rosso al nutri-score francese, arriva la ‘batteria’ in etichetta che piace al made in Italy

  • Bilancio Ue, dagli Stati tagli alla Pac per 75 miliardi

  • Aceto, Corte Ue: “Si può chiamare ‘balsamico’ anche quello tedesco”

  • Riutilizzo delle acque di scarico per l’irrigazione, arriva il via libera da Bruxelles

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento