Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

Un esperimento condotto su 218 adulti in due anni a mostrato che aiuta a prevenire diabete o infarti

Foto Ansa

Tagliare circa 300 calorie al giorno serve a proteggere il cuore, e questo vale tanto per chi è in sovrappeso, quanto per chi è in buona forma fisica. Lo afferma uno studio apparso su The Lancet Diabetes & Endocrinology, che evidenziano come, quando si tratta di ridurre il rischio di malattie killer come il diabete e gli infarti, c'è sempre spazio per miglioramenti. Lo studio ha coinvolto 218 adulti e mirava a valutare l'effetto del ridurre l'assunzione di calorie sul metabolismo.

Ai partecipanti è stato chiesto di mantenere la riduzione calorica di circa 300 calorie al giorno per due anni. Dalle analisi del sangue è emerso che chi era riuscito a farlo presentava, rispetto agli altri, miglioramenti significativi nei marcatori che misurano il rischio di malattia metabolica: livelli di colesterolo, pressione sanguigna e glicemia. Inoltre, mostrava una riduzione di un biomarcatore che indica un'infiammazione cronica collegata a malattie cardiache, cancro e declino cognitivo. I risultati erano confermati anche in chi aveva un peso normale o leggermente sopra la media.

Lo studio dimostra "che anche una piccola modifica alimentare potrebbe ridurre il peso del diabete e delle malattie cardiovascolari nel paese. Le persone possono farlo abbastanza facilmente, osservando piccole attenzioni qua e là, come non fare spuntini dopo cena", spiega l'autore principale della ricerca, William E. Kraus, cardiologo e professore di medicina alla Duke University School of Medicine negli Usa, Ancora tuttavia, non sono noti i meccanismi. "Continueremo a esplorare cosa potrebbe essere questo segnale metabolico che si traduce in questi miglioramenti", ha concluso il ricercatore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • La popolazione mondiale di asini potrebbe dimezzarsi per soddisfare la domanda cinese

  • I pescatori siciliani contro l’accordo Italia-Libia. E se la prendono con l’Ue

  • L'Ue tutela l'Amatriciana: assegnato il marchio di Specialità tradizionale garantita

  • La cucina italiana nel mondo vale 229 miliardi l'anno

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento