Siccità, nuovi aiuti dalla Commissione in soccorso dell’agricoltura

Deroghe alle norme ambientali per salvare pascoli e mangimi. Dopo i contributi, un altro supporto al settore in ginocchio per il caldo estivo

La Commissione europea ha varato questa mattina nuovi provvedimenti in aiuto del settore agricolo danneggiato dalla siccità. Le misure prevedono deroghe alle norme sul greening, una serie di vincoli imposti dalla Politica agricola comune a tutela dell’ambiente. Il pacchetto di aiuti straordinari si aggiungono al sostegno economico già offerto dall’Ue all’inizio del mese, che ha consentito ai paesi che ne hanno fatto richiesta di ricevere in anticipo (a ottobre anziché a fine anno) il 70% dei pagamenti diretti e l’85% degli aiuti per lo sviluppo rurale. 

Le nuove misure

Il pacchetto annunciato stamane dalla Commissione prevede la possibilità di utilizzare come miglioratrici anche le colture invernali e di seminare colture miglioratrici come pure, anziché dover fare una miscela di colture come attualmente prescritto dalle norme greening. Gli agricoltori potranno dunque derogare alle regole, ma solo per la produzione di foraggi e pascoli. Una terza misura prevede inoltre la possibilità di abbreviare il periodo minimo di 8 settimane per le colture miglioratrici per consentire ai coltivatori di procedere in anticipo con la semina delle colture invernali. L’ultimo provvedimento è in realtà una proroga di una misura già adottata: viene infatti estesa la possibilità di pascolare i terreni incolti in Francia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I commenti del Commissario

“La Commissione ha reagito rapidamente alle prime avvisaglie di questi eventi climatici estremi e continuo a seguire da vicino la situazione - ha dichiarato il Commissario all’Agricoltura Phil Hogan - oggi stiamo adottando ulteriori disposizioni che, a mio avviso, dovrebbero dare sollievo agli agricoltori europei gravati dalla carenza di mangimi per il loro bestiame”. Hogan ha poi concluso, “continuerò a lavorare con gli Stati membri per utilizzare tutte le risorse disponibili nell’ambito della Politica agricola comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Le Alpi si tingono di rosa, un'alga colora la neve ma la fa anche sciogliere prima

  • Anche in Austria i macelli diventano focolai di coronavirus

  • Via libera all'etichetta per tutelare i salumi Made in Italy

  • Più attenti e informati sul cibo: come il coronavirus ha cambiato la spesa degli italiani

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento