Gli agricoltori italiani a Bruxelles: "Ci aiuti come fanno gli Stati Uniti"

L'amministrazione americana ha stanziato altri 16 miliardi a sostegno dei coltivatori colpiti dalla guerra commerciale con la Cina. Confagri e Coldiretti: "Basta tagli, servono misure straordinare anche in Europa"

Un agricoltore a sostegno di Trump

Gli agricoltori Usa incasseranno nei prossimi mesi 16 miliardi di dollari, per limitare le conseguenze della guerra commerciale in corso con la Cina. Il nuovo pacchetto di aiuti va ad aggiungersi a quello già varato, con una dotazione di 12 miliardi, nel luglio scorso. Un sostegno deciso che le organizzazioni italiane guardano con invidia. Tanto da chiedere all'Unione europea di prendere esempio da Donald Trump.

“La chiusura del mercato cinese ha innescato pesanti riduzioni dei prezzi all’origine - ha dichiarato il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti - Resta il fatto che gli aiuti possono distorcere le normali scelte colturali degli agricoltori americani. E le conseguenze potrebbero farsi sentire anche sui mercati internazionali, tenuto conto che circa il 20% della produzione agricola Usa è destinata alle esportazioni”.

Le nuove misure annunciate dal dipartimento di Stato all’Agricoltura (Usda), prevedono sostegni diretti al reddito degli agricoltori per un ammontare di 14,5 miliardi di dollari. Una spesa ulteriore di 1,4 miliardi sarà destinata all’acquisto di prodotti sul mercato per gli aiuti alimentari interni. Infine, 100 milioni saranno assegnati alle organizzazioni di produttori per le iniziative finalizzate all’apertura di nuovi mercati di sbocco.

“Apprezziamo la tempestività e la determinazione con la quale l’amministrazione americana è impegnata a sostenere l’agricoltura che, indubbiamente, è tra i settori più colpiti dalle tensioni commerciali con la Cina”, ha aggiunto Giansanti.  “A livello europeo, invece, è stato proposto un taglio dei fondi all’agricoltura per far quadrare i conti della Brexit – ha rimarcato - Anche alla luce dello scenario internazionale, è indispensabile un cambio di direzione per garantire la sicurezza alimentare e la stabilità dei prezzi”.

Sulla stessa linea la Coldiretti: "Il piano di aiuti Usa è destinato ad avere effetti sugli equilibri commerciali internazionali e la situazione va attentamente monitorata da parte dell’Unione europea per verificare l’opportunità di attivare, nel caso di necessità, misure di intervento straordinarie anche a livello comunitario", dice l'organizzazione. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • Ritorno dalla ferie: il vademecum per evitare rischi in frigo

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento