Aviaria, dall'Ue 11 milioni all'Italia

Stanziamento per aiutare i mercati delle uova da cova e da consumo e delle carni di pollame gravemente colpiti dalla malattia tra il 2016 e il 2017

Poco più di 11 milioni di euro all'Italia per sostenere i settori colpiti dall'aviaria. E' quanto ha stanziato la Commissione europea per aiutare i mercati delle uova da cova e da consumo e delle carni di pollame gravemente colpiti dai 43 focolai di influenza aviaria ad alta patogenicità rilevati tra il 30 aprile 2016 e il 28 settembre 2017.

Il regolamento, varato ieri da Bruxelles, è da oggi in vigore, e fissa tutte le condizioni per la concessione del contributo. In base alla normativa europea infatti, l'Unione partecipa nella misura del 50 % al finanziamento delle spese sostenute a livello nazionale per far fronte alle conseguenze negative subite dal mercato avicolo causa l'influenza aviaria. Numerose Regioni italiane sono interessate, in particolare i grandi allevamenti nel Nord e centro Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patatine fritte, l'Ue va alla guerra (commerciale) con la Colombia

  • Tanto lavoro, pochi migranti: il decreto flussi non funziona. M5s: "Va rivisto"

  • L'Efsa contro la strage dei pulcini: sostenere le innovazioni per evitarla

  • "Basta a salse con derivati dal petrolio al posto del tartufo"

  • Basta sprechi, ecco le 10 mosse per ridurre il cibo che finisce in spazzatura

  • Mangi poche verdure? “Colpa” di un gene

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento