"Ceta un affare per l'Italia", Tajani e Gentiloni difendono l'accordo Ue-Canada

Il presidente del Parlamento europeo e l'ex premier contro le critiche mosse al trattato commerciale da M5s e Lega

Il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani e l'ex premier Paolo Gentiloni si schierano a favore del Ceta, il trattato commerciale di libero scambio tra Ue e Canada, criticato duramente da Lega e M5s. 

"Dobbiamo essere consapevoli che in questo tipo di accordi tra i Paesi che hanno maggior vantaggio c'è proprio l'Italia. Dopo la Germania noi siamo i primi esportatori in Canada, quindi l'abbattimento dei dazi è un grande affare. Ho l'impressione che i contrari lo siano per partito preso, per una ragione ideologica", dice Gentiloni. "In Europa - ha avvertito Gentiloni - abbiamo sempre due anime, chi come noi spinge per l'integrazione, per gli investimenti, per il lavoro e per una politica espansiva e l'anima dell'Europa tedesco-olandese-scandinava che invece ha questa ossessione della severità nei bilanci - prosegue -. Il paradosso è che oggi l'anima espansiva avrebbe, dopo l'uscita del Regno Unito, il 55 per cento del Pil europeo quindi se l'Italia fosse a bordo noi potremmo avere un peso enorme, ma in questo momento temo che l'Italia si stia isolando".

Dello stesso avviso Tajani: "Sono straordinariamente aumentate le esportazioni italiane verso il Canada. Io faccio un appello affinché l'Italia ratifichi il Ceta, perché è un affare per le imprese italiane", dice il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani. A chi gli fa osservare che nel centrodestra è rimasta solo Forza Italia a difendere il Trattato di libero scambio tra Canada e Europa, anche dalle dure critiche mosse da Salvini e Meloni, il presidente del Parlamento europeo, e vicepresidente FI, risponde: "Che sia un affare per l'Italia lo dicono i dati, non è questione di propaganda. Si puo' tranquillamente cambiare idea".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

  • "Un piano per l'agroindustria italiana per creare 100mila posti di lavoro"

  • Ferragosto, un successo per gli agriturismi italiani “+7% rispetto al 2018”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento