Clima e fame nel mondo, Ue e Fao rilanciano la partnership

Il piano d'azione comune per i prossimi due anni prevede di migliorare l'uso delle risorse naturali, investire in agricoltura e migliorare i sistemi nutrizionali e alimentari

Il commissario Ue Mimica

Rafforzare la resilienza delle comunità alle crisi alimentari, affrontare i cambiamenti climatici, migliorare l'uso delle risorse naturali, investire in agricoltura e migliorare i sistemi nutrizionali e alimentari. Sono gli obiettivi che Unione europea e Fao si sono prefissati per i prossimi due anni, ribadendo, scrive l'Ansa, il loro impegno ad affrontare problemi a livello mondiale come l'aumento della fame, la necessità di portare prosperità e pace e la costruzione di un futuro più sostenibile per tutti.

"E' essenziale il sostegno continuo dell'Ue al multilateralismo e al sistema delle Nazioni Unite per raggiungere l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile - ha affermato il direttore generale della Fao, José Graziano da Silva - così come affrontare le sfide che la migrazione forzata, i conflitti e le crisi alimentari continuano a porre oggi".

Il Commissario europeo per la cooperazione e lo sviluppo internazionale, Neven Mimica, consapevole che la sicurezza alimentare e l'agricoltura sostenibile continuino a rappresentare sfide urgenti, ha ricordato che il mese scorso Fao e Ue hanno firmato un accordo per 77 milioni di euro, per aumentare la capacità di recupero di milioni di persone alle prese con crisi alimentari in tutto il mondo.

Tra il 2007 e il 2017, infine, l'Ue, principale partner delle risorse della Fao, ha erogato più di 1,5 miliardi di euro per oltre 250 programmi in 60 paesi, aumentando il sostegno a seguito della crisi dei prezzi alimentari del 2007-2008 e nel 2017 per affrontare l'insicurezza alimentare, i problemi di sviluppo agricolo legati a conflitti, migrazione e sfide ambientali e climatiche. Inoltre, tra il 2014 e il 2017 quasi la metà dei contributi è stata destinata all'Africa, con iniziative anche in Europa, America Latina, Vicino Oriente e Asia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La pasta stufa gli inglesi: “Crollo dei ristoranti italiani nel Regno Unito”

  • Ritorno dalla ferie: il vademecum per evitare rischi in frigo

  • Listeriosi, allerta in Spagna. Confagricoltura “La carne italiana è controllata”

  • “Stop alle importazioni dal Canada”, Ue taglia fuori ciliegie e altri frutti del Nord America

  • Strage di maiali in Asia, Fao: “5 milioni uccisi da peste suina”

  • Insetticidi, Commissione Ue pronta a vietare il clorpirifos. Efsa: “Effetti neurologici nei bambini”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento