I consumatori del futuro? Sempre più attenti al cibo di qualità e a basso impatto ambientale

E' quanto emerge dal rapporto "Prospettive agricole dell'UE per mercati e entrate 2018-2030" presentato dalla Commissione europea. Nei prossimi anni, meno carne e zucchero

Nel prossimo decennio, i consumatori europei diventeranno sempre più esigenti nei confronti del cibo, di come viene realizzato e del suo impatto sull'ambiente e sui cambiamenti climatici. Ciò significa che possono essere considerati importanti per i loro prodotti, aggiungendo valore per gli aspetti ambientali e ambientali. E 'quanto si scrive la Commissione europea nel suo rapporto "Prospettive agricole dell'UE per mercati e entrate 2018-2030".

Nel rapporto, sono elaborate le previsioni di mercato per gamma gamma di prodotti agroalimentari, tra cui carne, cereali, latte e prodotti lattiero-caseari e ortofrutticoli. Sono anche contemplati l'evoluzione del reddito agricolo e agronomico dell'Ue, nonché un'attenzione particolare alla produzione biologica di ciascun settore.

Secondo le previsioni, un crescendo sarà la domanda di prodotti biologici e di origine protetta. Sul fronte dei prezzi, quelli dei cereali sono rimasti abbastanza stabili. La produzione interna di soia sta crescendo anche se altre culture ricche di proteine ​​benefistiche della forte domanda e di un ambiente politico favorevole. In declino, invece, il consumo di zucchero è quello di carne bovina e suina, mentre crescerà la domanda di pollame e in generale dei prodotti lattiero-caseari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Prosciutto più nocivo di maionese? Etichetta ingannevole": agricoltori italiani contro il Nutriscore

  • Al Sud lavoro in agricoltura per 22mila giovani, ma 3 su 4 vengono respinti

  • Da cibo a farine per allevamenti, è il “pesce sprecato”

  • "Storico ritorno della bistecca sulle tavole degli italiani"

  • Tagliare 300 calorie al giorno fa bene al cuore, anche di chi è in forma

  • Sovrasfruttamento nel mare di Sicilia, “56 pescherecci con reti a strascico in zone protette”

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento