Pastori africani ed europei in piazza a Bruxelles: "Stop a sovrapproduzione Ue"

Il 10 aprile una delegazione di agricoltori di Mali, Burkina Faso, Senegal, Mauritania, Ciad e Niger si unirà alle proteste dell'European Milk Board e di alcune ong umanitarie

Stop alla sovrapproduzione di latte da parte dell'Europa. E' quanto chiedono gli stessi agricoltori Ue che il prossimo 10 aprile scenderanno in piazza a Bruxelles e che, per la prima volta, avranno al loro fianco i produttori lattiero-caseari di alcuni Paesi africani. "Vogliamo mostrare chiaramente ai responsabili politici europei come la sovrapproduzione europea colpisca il settore lattiero-caseario locale nell'Africa occidentale", scrive in una nota l'European Milk Board, la lobby degli agricoltori europei del settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla protesta, che vedrà un'azione simbolica con i trattori di fronte al Consiglio dell'Unione europea, parteciperanno agricoltori del Mali, del Burkina Faso, del Senegal, della Mauritania, del Ciad e del Niger: "Chiediamo una produzione di latte sostenibile in Europa e in Africa, affinché gli agricoltori di entrambi i continenti possano guadagnarsi da vivere grazie al loro lavoro", dice ancora l'EMB. Insieme a loro, ci saranno anche le ong SOS Faim e Veterinarians Without Borders.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, niente caffè e meno pasta per gli italiani se si bloccano le importazioni

  • Braccianti stranieri, Lega contro il Pd. Ma l’ultimo decreto flussi l’ha firmato Salvini

  • L'appello dei braccianti immigrati: “Raccogliamo il vostro cibo ma abbiamo fame”

  • "Porte aperte a 80mila migranti", la Germania sblocca l'impasse Ue sugli stagionali

  • Covid-19 'colpisce' anche uova e colombe pasquali, crollo dei ricavi delle aziende dolciarie

  • Coronavirus, per i Paesi africani la carenza di cibo potrebbe essere peggio della pandemia

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento