Il progetto della startup italiana: adotta un alveare per salvare il pianeta

L'idea punta a sostenere gli agricoltori e a fornire miele di qualità ai sottoscrittori puntando sulla tecnologia per migliorare le tecniche di allevamento. Le api sono responsabili dell'80% della produzione di frutta e verdura e del 50% della biodiversità del mondo

Adottare un alveare per contribuire a salvare il pianeta e permettere agli apicoltori di vivere del proprio lavoro. È l'idea della startup italiana 3Bee fondata da Niccolò Calandri e Riccardo Balzaretti.

L'importanza delle api

Secondo quanto stimato dalla Fao, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, le api sono responsabili dell'80% della produzione di frutta e verdura e del 50% della biodiversità del mondo. Purtroppo, però, uno studio della Radboud University e della Entomological Society Krefeld ha evidenziato come gli insetti impollinatori, in quasi 30 anni, siano diminuiti del 70%, con un conseguente, riduzione della produzione di miele. Secondo i dati diffusi da Coldiretti, nell'ultimo anno, a causa delle anomalie climatiche, la produzione di miele in Italia è stata dimezzata.

Innovazione

Da qui l'iniziativa di 3Bee (3bee.it) che permettere alle persone e alle aziende di adottare un alveare per contribuire a ripopolare il Pianeta, dando la possibilità agli apicoltori di incrementare la produzione di miele e quindi continuare a portare avanti il proprio mestiere. I due founder hanno sviluppato Hive Tech, una sorta di alveare 3.0 che consiste in una rete di sensori ioT i quali, posizionati al suo interno, monitorano il benessere delle api permettendo agli apicoltori di ridurre i trattamenti, diminuire le visite nell'apiario e abbassare le emissioni di Co2, migliorando, quindi, la qualità di vita delle api.

Duemila partecipanti

La startup ha avuto l'idea di creare un network di 2mila apicoltori in tutta Italia in cui ha installato i propri sensori e circa 10mila 'adottatori'. Chi decide di adottare un alveare - privati o imprese - accede alla piattaforma online, sceglie la tipologia di miele, l'apicoltore che si prenderà cura delle api, la quantità di fiori che vogliono impollinare, la biodiversità che vogliono creare e potrà seguire online l'evoluzione. Al termine della stagione apistica, potrà ricevere il miele 100% artigianale prodotto dalle sue api.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Sono vettori di Coronavirus”, la Cina mette al bando il consumo di animali selvatici

  • Con la Brexit il Regno Unito pronto ad aprire al pollo Usa lavato con gli acidi

  • I trattori assediano Bruxelles contro i tagli alla Politica agricola comune

  • La dieta mediterranea? Ormai piace più all'estero che in Italia

  • Pollo al cloro, l’Ue avverte il Regno Unito: “In Europa non entra”

  • Effetto coronavirus: boom di vendite di prodotti alimentari, ma nessun problema di rifornimenti

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento