Amazzonia: più 68% di deforestazione, libero scambio Ue-Mercosur a rischio 

Secondo i patti il Brasile deve rispettare gli obiettivi ambientali nel quadro dell'Accordo sul clima di Parigi

In Amazzonia la deforestazione non si arresta, anzi sta crescendo a livelli spaventosi. Il disboscamento è aumentato nella prima metà di luglio, superando abbondantemente la percentuale registrata nell'intero mese di luglio 2018. La cosa sta mettendo a rischio l'accordo commerciale siglato il mese scorso tra Ue e Mercosur, che obbliga il Brasile a raggiungere gli obiettivi ambientali nel quadro dell'Accordo sul clima di Parigi. L'Istituto nazionale di ricerche spaziali (Inpe) ha segnalato più di 1.000 chilometri di disboscamento tra il 1 luglio e il 15 luglio, un'area che supera del 68% quella persa durante il mese di luglio dell'anno scorso. Le informazioni preliminari di Inpe, ottenute attraverso immagini satellitari, mostrano che luglio 2019 è già il mese con la maggior superficie disboscata rispetto a qualsiasi mese da agosto 2016.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Lega nomina il nuovo direttore dell'Agea. E il M5s si infuria

  • Peste suina, il virus avanza in Europa. Minaccia sempre più vicina per l’Italia

  • Troppo caldo, la raccolta delle mele parte in anticipo (e in ribasso)

  • Sbarchi di grano straniero, Confagricoltura contro Coldiretti: “Nessuna invasione dal Canada"

  • “Felafel campione di sostenibilità” arriva la classifica dei piatti tipici più ‘verdi’

  • "Dall'enogastronomia benefici per il territorio ancora poco sfruttati"

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento