Un milione di specie animali e vegetali sono in via d’estinzione “anche per colpa dell’uomo”

Dalle balene del Nord Atlantico ai lemuri del Madagascar. Gli esperti pubblicano la ‘lista rossa’ e avvertono: “È il barometro della vita sulla Terra”

MARTINA CRISTOFANI / ANSA

Dai lemuri del Madagascar al grande criceto dell’Alsazia. Sono tante le specie animali e vegetali che si trovano a fare i conti con il rischio d’estinzione. L’avvertimento arriva dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn), che punta il dito contro le attività umane come co-responsabili della diminuzione della biodiversità. Considerando sia gli animali che le piante, sarebbero circa un milione le specie minacciate. E molte di loro rischiano di sparire per sempre “nei prossimi decenni”.

L'allarme

“Il mondo deve agire rapidamente per arrestare il declino delle popolazioni di specie e prevenire le estinzioni indotte dall’uomo", ha dichiarato Jane Smart, direttore del gruppo di conservazione della biodiversità della (Iucn). Nella lista rossa delle specie più a rischio nel 2020, in particolare, figurano vari primati africani e i lemuri del Madagascar appartenenti a diverse famiglie. Circa 103 delle 107 specie di lemuri sono minacciate, “principalmente a causa della deforestazione e della caccia” e 33 di esse sono ora in via d’estinzione. Senza significativi sforzi umani e finanziari volti alla conservazione, molte delle specie a rischio non avranno scampo.

Specie a rischio

Nel resto dell'Africa, oltre la metà delle specie di primati - ben 54 su 103 - si trovano minacciate, come il colobus a pelo lungo. Altri habitat ma stessi problemi colpiscono anche le balene del Nord Atlantico, che alla fine del 2018 contavano meno di 250 esemplari adulti (-15% dal 2011). I cetacei sono spesso vittima delle collisioni con navi e delle reti da pesca, ma anche del riscaldamento degli oceani. La lista rossa delle specie a rischio definisce “vulnerabile” anche il fungo bruco, “il più costoso del mondo”, evidenziano gli esperti. Questo parassita, che cresce dal corpo di una larva di farfalla che ha colonizzato e ucciso, è molto popolare nella medicina tradizionale cinese. Ma per soddisfare la domanda, le colture sull'altopiano tibetano dove cresce sono salite alle stelle e per 15 anni la popolazione di questo fungo soprannominato "il viagra dall'Himalaya" è diminuita di almeno il 30%

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'avvertimento

Molti scienziati ritengono che sia iniziata la sesta estinzione di massa. “La lista rossa è un barometro della vita sulla Terra”, ha commentato Andrew Terry della Zoological Society di Londra. “Dobbiamo ascoltare i suoi avvertimenti - sostiene lo studioso - e prendere le misure coraggiose necessarie per garantire un futuro in cui prosperano la fauna selvatica e l’umanità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

  • Bellanova: Giusto che il bonus ristorazione vada solo a chi acquista Made in Italy

  • Industria dello champagne in ginocchio: "Crisi peggio della Grande Depressione"

  • Agrumi infetti da Sud America e Cina, 7 casi intercettati prima dell'ingresso in Italia

  • Controlli sul falso miele, in oltre l'8% dei casi trovati prodotti contraffatti

  • Estate da record per le tartarughe, boom di nidi di caretta caretta

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento