Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

Fatta di micelio aiuta il corpo a decomporsi più velocemente e a trasformarsi in nutrienti per l'ambiente. L'inventore: “Possiamo arricchire il suolo invece di inquinarlo”

Il Living Cocoon - foto Loop

Per chi crede nella lotta per un mondo più sano in cui l'uomo non distrugge la natura ma la aiuta a prosperare, adesso c'è un modo per continuare questa battaglia anche dopo la morte. Un giovane scienziato olandese ha inventato una bara fatta di funghi, che ha denominato Living Cocoon (bozzolo vivente), che aiuta il corpo a decomporsi più velocemente, e ad aumentare la fertilità del terreno.

Dopo mesi di sperimentazioni la bara, fatta di micelio, è stata utilizzata nei Paesi Bassi per la prima volta la scorsa settimana. Il suo inventore, Bob Hendrikx, un biodesigner di 26 anni che ha studiato alla Technical University di Delft, ha spiegato ai media locali che il Living Cocoon permette “alle persone di diventare di nuovo una cosa sola con la natura. Di arricchire il suolo invece di inquinarlo ".

La bara è fatta di micelio, un organismo che non solo neutralizza le tossine e fornisce cibo fresco a tutto ciò che cresce in superficie, ma le cui fibre possono essere utilizzate per produrre qualsiasi cosa, dal cibo ai vestiti e agli imballaggi. La sua "Il micelio è costantemente alla ricerca di prodotti di scarto - petrolio, plastica, metalli, altri inquinanti - e li converte in nutrienti per l'ambiente", ha spiegato il biodesigner. “Questa bara significa che nutriamo effettivamente la terra con i nostri corpi. Siamo nutrienti, non rifiuti”.

Normalmente il processo mediante il quale un corpo umano in una bara tradizionale diventa compost può spesso richiedere un decennio o più, rallentato dal legno verniciato e dai metalli della bara e degli indumenti sintetici, che può richiedere anche più tempo disintegrarsi e che sono peraltro inquinanti. Una bara di micelio invece viene riassorbita nel terreno entro un mese o sei settimane, ha affermato Hendrikx, contribuendo anche attivamente alla completa decomposizione del corpo che contiene e arricchendo la qualità del suolo circostante, il tutto entro un periodo di due o tre anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento la startup da lui fondata, la Loop, ha realizzato 10 bare per un costo di circa 1.250 euro ciascuna, ma se dovessero diffondersi allora il prezzo potrebbe scendere notevolmente. Un Living Cocoon impiega diverse settimane per formarsi mentre il tappetino di micelio cresce a forma di bara per poi essere lasciato asciugare naturalmente. Non appena viene nuovamente esposto al terreno umido, riprende vita e inizia il processo di decomposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

  • Gli influencer e quei fake pericolosi sugli integratori alimentari: esposto all'Antitrust di Altroconsumo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento