Biocarburanti, l'appello degli agricoltori Ue: "Criteri rigorosi su impatto ambientale"

Il Copa-Cogeca, associazione che riunisce la organizzazioni europee del settore, chiede che siano rispettati standard "forti e giuridicamente vincolanti" per l'importazione di materie prime

Criteri rigorosi sull'impatto ambientale dei biocarburanti importati. E' quanto chiede alla Commissione europea il Copa-Cogeca, la lobby che riunisce le organizzazioni agricole europee, in vista della proposta di regolamento di attuazione della nuova direttiva rinnovabili attesa per l'1 febbraio.

La proposta conterrà i criteri per la certificazione dei biocarburanti a basso impatto ambientale. Criteri che per il Copa-Cogeca dovranno essere "forti e giuridicamente vincolanti". Sullo sfondo della decisione della Commissione, ci sono le polemiche, sollevata anche dal fronte ambientalista, sull'import di olio di palma, materia prima molto utilizzata nei carburanti Ue e accusata di provocare la deforestazione nei Paesi in cui la pianta è coltivata.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accordo politico del 2018 sulla direttiva prevede di limitare l'uso dei biocarburanti ad alto impatto in termini di deforestazione e utilizzo dei suoli, prprio come l'olio di palma. Una disposizione che "potrebbe essere aggirata efficacemente se fossero approvati criteri di certificazione poco rigorosi - scrivono le organizzazioni agricole dell'Ue - e ciò non è accettabile per gli agricoltori europei, che rispettano elevati standard ambientali e subiscono il tetto Ue ai biocarburanti basati sulle colture". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

  • Nuovi casi di peste suina in Germania, Cia: "Evitare contagio in Italia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento