Bruxelles approva i criteri di sostenibilità dei biocarburanti

L'obiettivo è frenare l'impatto sul consumo del suolo e i conseguenti rischi climatici

La Commissione europa ha adottato oggi i criteri di sostenibilità per i biocarburanti, come richiesto dal Parlamento europeo e dagli Stati membri. Con questi criteri, l'Ue intende da un lato frenare fenomeni come la deforestazione e dall'altro, promuovere quei biodiesel che possono davvero contribuire alla riduzione dei rischi per il clima

"I cambiamenti climatici rappresentano una seria preoccupazione per gli europei e la Commissione sta intensificando gli sforzi per ridurre le emissioni di gas serra con gli obiettivi finali di diventare la prima grande economia ad essere neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050", si legge in una nota dell'Esecutivo di Bruxelles. "Il maggiore uso di elettricità prodotta da fonti rinnovabili anche nel settore dei trasporti - prosegue - è fondamentale per la decarbonizzazione della nostra economia" e per questo c'è una direttiva Ue, già in vigore, che "prevede una riduzione graduale della quantità di determinati tipi di biocarburanti per i quali si osserva un significativo ampliamento dell'area di produzione in terreni con stock ad alto tenore di carbonio (il cosiddetto alto tasso di utilizzo indiretto del territorio o ILUC)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ILUC può verificarsi quando il pascolo o le terre agricole precedentemente destinate ai mercati di alimenti e mangimi sono dirottati verso la produzione di biocarburanti. In questo caso, la domanda di alimenti e mangimi deve ancora essere soddisfatta, il che può portare all'estensione del terreno agricolo in aree con elevato stock di carbonio come foreste, zone umide e torbiere. Ciò implica il cambiamento dell'uso del suolo (trasformando tali aree in terreni agricoli) e potrebbe causare il rilascio di emissioni di gas serra (Co2 immagazzinata negli alberi e nel suolo) che nega il risparmio delle emissioni dall'uso di biocarburanti anziché di combustibili fossili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un 'carico di virus' dalla Cina bloccato in Italia: "Sventati gravi rischi per le piante"

  • "Trasformiamo il vino in 'amuchina'", l'idea italiana contro il Covid

  • "Coronavirus, basta file inutili e pericolose davanti ai supermercati”

  • Paghi la birra ora, la bevi quando riapre il locale: nasce il "pub solidale" contro il coronavirus

  • Il coronavirus "libera" 1 milione di posti di lavoro nell'agricoltura europea

  • Coronavirus, ora il grano vale più del petrolio

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento