Biologico in crescita nell'Ue, un mercato che vale 34 miliardi l'anno

In crescita la produzione ma anche i consumi che valgono 37 miliardi, e così l'Europa è costretta ad importare. L'Italia ha il primato delle imprese di trasformazione

Ansa EPA/TIMM SCHAMBERGER

Quello del biologico non è un settore che fa bene solo al pianeta e alla saluta, ma anche all'economia. È un mercato in crescita che nel 2017 è cresciuto fino a un valore di 34,4 miliardi di euro, +10,9% rispetto all'anno precedente, un volume d'affari secondo solo a quello degli Stati Uniti. E proprio dagli usa siamo costretti ad importare visto che i consumi superano le produzioni, segno che la richiesta è alta: nel 2017 le vendite al dettaglio di prodotti biologici in Europa hanno superato 37 miliardi di euro, ben +10,5% sul 2016. Sono alcune delle cifre presentate alla Biofach di Norimberga, la fiera leader mondiale per alimenti biologici, dall'Istituto di ricerca sull'agricoltura biologica (Fibl).

Il numero di produttori è cresciuto di quasi il 4% nell'Ue, mentre gli importatori sono quasi 4.600, un incremento del 15,5%. Il Paese con il maggior numero di importatori è la Germania (quasi 1.700 per un mercato da 10 miliardi di euro, il più grande d'Europa), mentre l'Italia ha il primato delle imprese di trasformazione (più di 18mila nel terzo mercato europeo per valore 3,1 miliardi). Il rapporto annuale Fibl fa il punto sui mercati mondiali, dell'Ue ed europei, includendo in quest'ultima categoria anche Paesi come Svizzera, Turchia e Russia.

Le superfici coltivate sono in aumento sia nell'Ue (+0,8mln di ettari nel 2017) che in Europa (+1mln di ettari). Le estensioni più grandi sono in Spagna (2,1mln ettari), Italia (1,9mln ettari) e Francia (1,7mln ettari). I produttori biologici sono 400mila in Europa e 305mila nell'Ue, il numero maggiore in Turchia (più di 75mila) e in Italia (più di 68mila). Il numero di produttori è cresciuto di quasi il 7% in Europa e del 4% nell'Ue. La Svizzera ha il più alto consumo pro capite di alimenti biologici in Europa e nel mondo, la Danimarca la quota di mercato bio più alta, con il 13,3%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bruxelles vuole comprare terreni agricoli nel resto del Belgio per sfamare i suoi cittadini

  • I prodotti integrali riducono fino a un quarto il rischio di mortalità

  • Per i vegani le probabilità di fratturarsi le ossa sono più alte del 40 per cento

  • Corte Ue sancisce la "libera circolazione" del cannabidiolo

  • "Le offerte sottocosto in tempo di Covid stanno facendo chiudere le aziende agricole"

  • Covid, rischio contagio dai cibi surgelati? Cosa c'è di vero nell'ultimo allarme sulla pandemia

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento