I visoni tifano Brexit, dopo il divorzio dall'Ue le pellicce saranno vietate nel Regno Unito

Allo studio del governo un provvedimento per bandire la vendita nei negozi e le importazioni che arrivano soprattutto dall'Unione europea. Gli allevamenti sono già vietati dal 2003

Foto archivio Ansa EPA/ALEX HOFFORD

Per animali come visoni e volpi la Brexit è un'ottima notizia, almeno nel Regno Unito. Il governo di Londra ha deciso che una volta che il Paese lascerà l'Unione europea il commercio di pellicce sarà vietato.

Come racconta il Times il provvedimento è allo studio di Lord Goldsmith di Richmond Park, ministro (che nel Regno Unito è quasi un equivalente del sottosegretario) del Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e gli affari rurali, che è un amico intimo del premier Boris Johnson e della sua fidanzata Carrie Symonds, un'attivista per i diritti degli animali che più volte si è espressa contro la vendita di pelli di animali.

Il divieto delle pellicce potrebbe essere presentato dal governo come uno dei primi atti che segnerebbero la ritrovata “libertà” del Regno Unito e sarebbe molto popolare in patria, visto che secondo un sondaggio ben l'80 per cento dei britannici ritiene inaccettabile il commercio di pellicce. E il tutto senza intaccare più di tanto l'economia del Paese visto che sull'isola gli allevamenti di animali da pelliccia sono vietati dal 2003, anche se le importazioni sono consentite e arrivano soprattutto dalla Francia e in generale dall'Unione europea, per un valore di circa 200 milioni di sterline l'anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La British Fur Trade Association, che rappresenta importatori e venditori, ha già iniziato a fare pressioni contro il cambiamento, definendolo "irrazionale, illiberale e mal giudicato". Ma Lord Goldsmith sembra intenzionato a tirare dritto e a porre fine a quella che ha una volta definito "una delle attività umane più tristi". E in questa lotta per il ministro la Brexit sarà un'occasione unica, visto che con il divorzio dall'anno prossimo "qualsiasi ostacolo che avrebbe potuto impedirci di cambiare le regole sulle importazioni sarà scomparso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

  • Gli influencer e quei fake pericolosi sugli integratori alimentari: esposto all'Antitrust di Altroconsumo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento