Nell'agricoltura italiana perdite tra il 20 e il 60% per i cambiamenti climatici

Sono le stime dell'Istituto italiano alimenti surgelati. A risentire delle conseguenze di raccolti distrutti dalle piogge o della semina ritardata a causa del clima pazzo sarebbero soprattutto coltivazioni come cavolfiore, broccoli, sedano, finocchi e fogliame

Sono stimate tra il 20 e il 60% le perdite di prodotto agricolo a causa dei cambiamenti climatici. A risentirne sono, ad esempio, coltivazioni come cavolfiore, broccoli, sedano, finocchi e fogliame con possibili penalizzazioni anche per la produzione di alimenti surgelati.

Raccolti ritardati

A denunciare la situazione dei campi e la compromissione dei raccolti delle settimane a venire è l'Istituto italiano alimenti surgelati (Iias) che ha diffuso i dati relativi al raccolto di prodotti agricoli di questo periodo, utili alla produzione di alimenti surgelati vegetali. In particolare l'istituto spiega che la problematica sta portando a un ritardo nelle "semine per i raccolti tardo invernali/inizio primaverili, con ripercussioni difficili da quantificare, ma tali da compromettere anche la campagna 2020 di uno dei prodotti iconici del mondo degli alimenti surgelati, i piselli". Viene ricordato inoltre che i vegetali, anche nel 2018, si sono confermati come il prodotto alimentare surgelato più venduto pari al 47,5% dei surgelati acquistati.

Aziende in difficoltà

"Estati siccitose, fenomeni intensi, come trombe d'aria e grandinate e inverni miti stanno mettendo in crisi l'Agricoltura italiana", commenta il presidente Iias Vittorio Gagliardi. "Proprio la pioggia intensa di novembre, oltre a compromettere il calendario delle semine e i normali lavori stagionali, ha fortemente rallentato le operazioni di raccolta, danneggiando i raccolti e provocando gravi danni a tutto il sistema produttivo, con importantissime perdite di alcune coltivazioni. Una situazione che metterà in difficoltà le aziende del settore e le richieste dei consumatori", ha aggiunto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Il "giusto prezzo" delle clementine: la Coop al fianco dei produttori calabresi

  • Un po' agronomi, un po' braccianti: come robot e droni stanno cambiando il lavoro nei campi

  • La Francia minaccia il veto sull'accordo Brexit per i diritti di pesca, rischio No Deal

  • Macelli addio? Per la prima volta nei piatti arriva la carne creata in laboratorio

  • La cannabis non uccide: l'Onu la rimuove dalle sostanze pericolose. Putin e Orban contrari

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento