menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maltempo, Cia: emergenza nei campi, già oltre 1 milione di danni

La Confederazione lancia l'allarme: gli eventi estremo possono far perdere il 20% della produzione agricola

Grandinate violente, strade trasformate in fiumi da piogge torrenziali con allagamenti e scie di fango e detriti, alberi divelti dalla furia del vento con problemi sulla viabilità, zone rurali isolate per ore e stato di calamità invocato lungo tutta la dorsale adriatica. Il maltempo che ha colpito l'Italia, soprattutto il Centro con Abruzzo e Marche in testa, ma anche il Sud con Foggiano e Brindisino sotto scacco delle trombe d'aria, ha avuto effetti immediati sull'agricoltura, in un momento molto delicato dell'anno. Così Cia-Agricoltori Italiani, che sta monitorando la situazione e stima danni già superiori al milione di euro. Per il settore, infatti, è un periodo particolarmente importante dove eventi estremi possono tagliare le produzioni almeno del 20%.

La frutta estiva (pesche nettarine, meloni) è in fase di raccolta intensa, così come gli ortaggi, dai pomodori all'insalata. I cereali come il mais (ma anche il grano in alta montagna) sono stati seminati da poco e con i campi allettati il pericolo è il blocco della crescita, nonché funghi e muffe. Rischi anche per vigneti e uliveti, nel momento di piena maturazione dei frutti prima delle grandi raccolte: adesso tocca sperare che il caldo ''asciughi'' subito le ferite nei grappoli di uva e sulle olive, causati soprattutto dalla grandine. "Siamo davanti a una situazione eccezionale che, ancora una volta, dimostra come i cambiamenti climatici siano una realtà concreta con cui fare i conti", afferma la Cia, secondo cui "gli agricoltori dovranno investire sempre di più in strumenti assicurativi per proteggere le colture dagli eventi estremi". Altra fonte di preoccupazione, evidenzia la confederazione, è che i cambiamenti climatici stanno portando parassiti, patogeni e insetti ''alieni'' che trovano sul nostro territorio un ambiente idoneo per proliferare. Una presenza molto rischiosa per l'agricoltura, che non deve essere sottovalutata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L’export agroalimentare italiano sempre più sostenibile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento