Cimice asiatica, danni per 600 milioni. E gli esperti avvertono: "No ad abuso pesticidi"

I dati resi noti dall'Ispra. Colpiti soprattutto i frutteti. Il governo ha dato il via libera all'uso di vespe samurai per fermare l'avanzata dell'insetto

Una perdita complessiva da 600 milioni di euro, di cui 350 solo al Nord. E' questo l'ammontare dei danni causati dalla cimice asiatica al comparto agricolo, soprattutto frutticolo. Le specie colpite sono oltre 300, secondo quanto reso noto dall'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosa sono le vespe samurai

L'invasione di questo insetto alieno sta colpendo un po' tutto il Paese. Per combatterlo, spiega Piero Genovesi, responsabile del servizio per il coordinamento delle attività della fauna selvatica dell'Ispra, il governo ha autorizzato l'uso di vespe samurai, che potrebbero aiutare a fermare l'avanzata delle cimici. Genovesi mette in guardia anche dai rischi connessi all'abuso di pesticidi: "Fino a questo momento i pesticidi hanno solo prodotto risultati negativi con effetti indiretti sull'ambiente e sull'area di produzione a maggioranza biologica. E la lotta integrata non è risultata efficace", ha spiegato. L'auspicio, conclude, è quello di "una maggiore prevenzione per un fenomeno che può aumentare a causa dei cambiamenti climatici e dei trasporti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoperto nei maiali in Cina nuovo virus “con potenziale pandemico per l’uomo”

  • I britannici temono l'arrivo di pollo al cloro e carne agli ormoni dagli Usa dopo la Brexit

  • “Mangiate meno formaggio”, la 'rivoluzione' francese per il bene del clima

  • La Malesia denuncia l'Ue al Wto: “Lo stop all’olio di palma danneggia la nostra economia”

  • Così le banche dello sviluppo sostengono massicciamente gli allevamenti intensivi

  • Le condizioni di lavoro nei macelli li rendono possibili focolai di coronavirus

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento