Finanza e filiera Bio insieme per un'agricoltura sostenibile

Accordo tra Banca Etica ed EcorNaturaSì per rafforzare il sostegno economico ai coltivatori e fornire nuove opportunità ai consumatori

Sviluppare un'economia che tuteli il pianeta, che rispetti l lavoro agricolo e la salute delle persone. Nasce con questi obiettivi il nuovo accordo tra Banca Etica ed EcorNaturaSì per rafforzare il sostegno finanziario a tutta la filiera del biologico e allo stesso tempo proporre ai clienti di EcorNaturaSì l'opportunità di scegliere la finanza etica vincolando parte dei propri risparmi in un conto-deposito (Time Deposit) dedicato alla raccolta di risorse per finanziare le aziende bio selezionate e garantite da EcorNaturaSì .

“Le proteste di questi giorni degli allevatori sardi, come le tragedie che la scorsa estate hanno coinvolto lavoratori migranti e senza diritti, ci ricordano che la nostra alimentazione è strettamente connessa con i diritti di chi il cibo lo produce e con la salvaguardia dell'ambiente”, afferma Nazzareno Gabrielli, vicedirettore di Banca Etica. “Moltissimi consumatori italiani sono già consapevoli di questi aspetti e scelgono i prodotti biologici. Oggi offriamo ai clienti di EcorNaturaSì la possibilità di restare coerenti con questi valori anche quando aprono un conto in banca, scegliendo un prodotto che tutela il risparmio e allo stesso tempo alimenta il circuito più sano della nostra agricoltura'', ha continuato Gabrielli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Fabio Brescacin, presidente EcorNaturaSì, “il giusto prezzo è la necessaria base per una sana economia agricola, ma da solo non basta. Perché un prodotto arrivi sulla tavola dei consumatori servono mesi per gli ortaggi, almeno un anno per i cereali e più anni per la frutta e i prodotti dell'allevamento”. “Il modo più sano per fornire agli agricoltori i capitali finanziari necessari a portare avanti l'attività è che a fornirli sia chi ha bisogno di quel prodotto e vuole assicurarsene l'approvvigionamento, quindi i consumatori”, ha concluso il presidente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tabacco fa bene alla salute, lo dicono gli scienziati (italiani)

  • Embrioni di bovini da carne impiantati nelle mucche da latte per ottimizzare la produzione

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento