menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un fish and chips fatto con le meduse? Salverebbe 92 specie a rischio

Uno studio dell'università del Queensland punta il dito contro la pesca internazionale, che a differenza di quella locale riesce a violare più facilmente le regole sulla salvaguardia animale

Forse non sarà un piatto molto appetitoso, di certo non per i più schizzinosi, ma un fish and chips fatto con le meduse potrebbe aiutare a salvare ben 92 specie che sono in pericolo nei mari del Pianeta, di cui 11 in maniera molto seria. A proporlo è uno studio dell'università del Queensland pubblicato sulla rivista Nature Communications. Sono 204, rilevano i ricercatori, i Paesi che nel mondo catturano o importano specie a rischio di estinzione.

Analizzando i dati globali sulla pesca industriale, i ricercatori guidati da Leslie Roberson hanno rilevato come la pesca delle specie a rischio di estinzione sia di fatto legale e i frutti di mare non vengano catalogati come specie minacciate. "Ciò significa che il pesce che gli australiani ordinano di solito ai negozi di fish and chips potrebbero essere seriamente a rischio di scomparire. I frutti di mare non sono sostenibili come si pensa", rileva Roberson. Mangiare pesci e frutti di mare locali sarebbe senz'altro più economico e sostenibile, secondo gli studiosi.

"L'Australia è uno dei molti Paesi ricchi che importano e catturano frutti di mare a rischio, pur avendo la reputazione a livello internazionale di preservare la fauna marina. In realtà importa circa il 75% dei frutti di mare consumati", aggiunge Carissa Klein, una dei ricercatori. Il numero di specie minacciate registrato, rileva lo studio, è una stima molto conservativa. L'industria ittica è molto difficile da gestire da un punto di vista conservativo, perché si spazia in più acque internazionali, senza nessuno che sovrintenda.

"Una situazione tipica è una nave che opera in acque australiane, con proprietà cinese ed equipaggio filippino. Ciò fa sì che non sappiamo cosa stiamo mangiando, perché è molto difficile risalire alle origini della specie consumata", aggiunge Roberson. Dovrebbe essere illegale mangiare qualsiasi cosa "sia a rischio di estinzione - conclude - Se potessimo coordinare meglio la pesca e le politiche di conservazione, potremmo evitare che ciò accada".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AgriFoodToday è in caricamento