rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Ambiente&Clima

"Altro che Ilva, a Taranto si punti sull'agricoltura"

L'appello del presidente nazionale di Confeuro, Andrea Michele Tiso

La vera risposta alla crisi di Taranto è l'agricoltura, con la riconversione degli impianti siderurgici dell'Ilva nell'utilizzo del porto e nello sviluppo delle tante qualità paesaggistiche ed enogastronomiche della città ionica. Lo dichiara il presidente nazionale Confeuro, Andrea Michele Tiso, secondo il quale "ad aver fallito non è solo il tentativo di gestione di una grande impresa dedita alla produzione e alla trasformazione dell'acciaio, ma l'attuazione di un intero modello di sviluppo basato sul ricatto e sulla contrapposizione tra il diritto al lavoro e il diritto alla salute". Lo riporta l'Ansa.

Per riconvertire gli impianti dell'Ilva, fa presente Tiso, è necessario investire risorse economiche, forze politiche e determinazione, solo così si può trasformare Taranto nell'emblema di un modello proposto dall'agroecologia e dalle sue pratiche di produzione agricola. "I cittadini di Taranto dopo tanti anni in cui hanno sopportato di vivere e lavorare nella città responsabile della produzione del 20% della diossina europea - conclude Tiso - meritano molto di più di soluzioni deboli e superficiali; ed è per questo che va proposto loro di far parte di una vera rivoluzione ecologica che guardi soprattutto alle tante possibilità offerte dal mondo agricolo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Altro che Ilva, a Taranto si punti sull'agricoltura"

AgriFoodToday è in caricamento