Il legno illegale vale 90 miliardi, al via progetto Ue a guida italiana per combattere il fenomeno

Il network coinvolge Italia, Francia, Belgio, Germania, Spagna e Paesi Bassi. E mira a far fronte alla deforestazione abusiva non solo in questi Paesi, ma anche nel resto del Pianeta, dal momento che l'Europa è tra i principali importatori

Nonostante l'attuazione del Regolamento UE 995 del 2010 (Eutr) e i controlli specifici effettuati a carico degli importatori, l'Unione Europea resta uno dei maggiori mercati mondiali di legno e prodotti derivati d'origine illegale. Per le foreste del pianeta, la quota di prelievi abusivi si aggira fra il 15 e il 30% del totale, pari ad un controvalore finanziario di circa 90 miliardi di euro; legname che, secondo Interpol, finisce in buona parte sul mercato europeo. Nell'ambito del programma Life dell'Ue, NepCon sta coordinando il progetto 'Legal wood' basato sulla partecipazione di partner operanti in Italia, Francia, Belgio, Germania, Spagna e Paesi Bassi. Il progetto, iniziato nel 2019, terminerà nel 2022 e prevede un budget assegnato di 2.445.790 euro.

Secondo Jakob Ryding, project manager di NepCon, "è necessario arginare l'importazione di legno illegale e rafforzare l'attuazione della dovuta diligenza negli Stati membri. L'importazione di legno non controllato, sintomatica di forti carenze conoscitive, può esporre gli operatori a specifiche sanzioni. Il progetto Life 'Legal Wood', che coinvolge vari Paesi, intende aumentare la consapevolezza in questo campo attraverso la realizzazione di seminari e altri strumenti informativi gratuiti, volti ad attenuare significativamente l'approvvigionamento di legno illegale''.

Il progetto Life 'Legal wood' coinvolgerà direttamente gli operatori europei addetti alla produzione, importazione e vendita di legno e prodotti derivati (mobili, imballaggi, ecc.). È prevista la realizzazione di seminari e strumenti tecnico-informativi utili alla valutazione del rischio e alla predisposizione della due diligence ai quali operatori e amministrazioni coinvolte nell'applicazione dell'Eutr potranno accedere liberamente. ''Fondamentalmente, il progetto mira a ridurre l'incidenza dei tagli illegali e a favorire la gestione sostenibile delle foreste del pianeta - prosegue Jakob Ryding - Questo può avvenire soltanto se si riesce, insieme agli importatori e alle autorità locali, ad aumentare la consapevolezza e l'efficienza dell'industria europea del legno''. (Ler/Adnkronos) ISSN 2465 - 1222 16-GIU-20 11:59 NNNN

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Scoperto enzima che "pulisce" la carne. Riducendo gli sprechi alimentari

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • L'Italia e altri sei Paesi Ue fanno blocco contro il Nutriscore

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento