Lupi, da Ue ok a rimborsi fino al 100% per aziende danneggiate

Finora la soglia era del 80%. Confagricoltura: "Bene Bruxelles, adesso auspichiamo che lo stesso trattamento economico venga esteso anche per le specie non protette, come i cinghiali"

La Commissione europea ha modificato gli orientamenti per la concessione di aiuti di Stato in agricoltura 2014-2020, introducendo la possibilità di coprire al 100% i costi sostenuti dalle aziende agricole per prevenire i danni causati da lupi e da altri animali protetti. Finora era ammesso solo l’80% per gli investimenti di prevenzione, che la modifica attuale porta al 100%.

Autorizzati a totale rimborso anche i cosiddetti costi indiretti, come quelli veterinari derivanti dal trattamento degli animali feriti e del lavoro legati alla ricerca di animali scomparsi a seguito di un attacco da parte di un animale protetto. Saranno inoltre rimborsati gli investimenti che gli agricoltori faranno per prevenire tali danni, ad esempio costruendo recinzioni elettriche o acquisendo cani da guardia.

Confagricoltura valuta positivamente le decisioni di Bruxelles perché – dice – è giusto e doveroso risarcire integralmente gli agricoltori e proteggerli. Ad avviso della Commissione il successo della politica di conservazione della Ue dipende in parte dalla gestione efficace dei ‘conflitti’ associati alla tutela degli animali protetti. In quest’ottica – ad avviso di Confagricoltura – “bisognerà intervenire in modo ancor più efficace per la gestione delle specie protette e per la sicurezza degli animali allevati ma anche delle persone”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Auspichiamo – conclude Confagricoltura - che lo stesso trattamento economico venga esteso anche per le specie non protette, come i cinghiali che, tra l’altro, sono portatori delle peste suina che sta mettendo in ginocchio intere nazioni come il Belgio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Nuovi focolai di coronavirus", i macelli preoccupano la Germania

  • Riparte la pesca al tonno rosso ma senza trasferimenti di quote tra Italia e Malta

  • “Pagare gli agricoltori per proteggere l’ambiente”, la proposta dei giovani di Fridays for Future

  • Merendine per i bambini? Due genitori su tre le acquistano anche per mangiarle loro

  • Due casi di contagio di coronavirus da visoni, in Olanda test in tutti gli allevamenti

  • La catena di fast food più diffusa al mondo? Non è McDonald's

Torna su
AgriFoodToday è in caricamento