Greenpace: la Pac affronti anche la necessità di tagliare i consumi di carne

Uno studio pubblicato su Nature afferma che una massiccia riduzione e un radicale cambiamento nelle tecniche di allevamento sono essenziali per garantire il futuro sostentamento dell'umanità

Foto Ansa EPA/Miguel Gutierrez

C'è un argomento che manca nel dibattito sulla riforma della Pac, quello della riduzione del consumo di carne e di prodotti lattiero-caseari come principali responsabili delle emissioni di gas serra nel settore. Lo afferma Greenpeace Europa, che a margine della discussione al Consiglio agricoltura di Lussemburgo, attraverso il suo direttore della politica agricola, Marco Contiero, ha sottolineato che "una settimana dopo un rapporto storico di scienziati del clima e dopo un'estate di siccità e incendi in Europa, è chiaro che il nostro sistema agricolo deve cambiare".

Lo studio

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature una massiccia riduzione della quantità di carne consumata, insieme ad enormi cambiamenti nelle tecniche di allevamento sono essenziali per garantire la futura capacità del nostro pianeta di sostenere l'umanità. L'analisi, che esamina le future proiezioni demografiche in tutto il pianeta e l'impatto delle attuali tecniche di coltivazione sull'ambiente, avverte che un cambiamento rapido è vitale in quanto il riscaldamento globale causa forti impatti sulla produzione alimentare. Lo studio afferma che per ogni grado centigrado di aumento ulteriore della temperatura, si stima che i rendimenti globali di grano scenderanno del 6%, mentre si stima che i raccolti globali di riso diminuiranno del 10%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dieta flessibile a base vegetale

Ma allo stesso tempo la crescita della popolazione significherà coltivare il 50% in più di cibo per sostenere quasi 10 miliardi di persone nei prossimi 30 anni e se non verranno apportate modifiche, gli impatti della produzione di cibo sull'ambiente aumenteranno fino al 90% entro il 2050, secondo gli autori dello studio, il che significa che il pianeta non sarà più uno "spazio operativo sicuro per l'umanità". Di conseguenza hanno chiesto alla popolazione della Terra di adottare una dieta "flessibile" a base vegetale, in cui la carne viene in genere venga mangiata meno di una volta alla settimana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lo strano caso della strage delle foche in Namibia, sulla costa spiaggiati 5mila feti morti

  • Carbonara regina anche dei delivery, è la pasta più ordinata nelle consegne a domicilio

  • Chiamateli hamburger anche se vegani: l'80% degli europei a favore del nome che non piace agli allevatori

  • Gli hamburger vegani o di finta carne potranno chiamarsi hamburger: Parlamento Ue boccia tutte le restrizioni

  • "Così il latte della multinazionale ha inquinato i fiumi per anni", l'accusa alla francese Lactalis

  • Gli influencer e quei fake pericolosi sugli integratori alimentari: esposto all'Antitrust di Altroconsumo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento