Pacma, il partito vegano spagnolo che mira alla conquista dell’Europa

“L'industria del bestiame responsabile per oltre il 18% dei gas serra”, denuncia l’organizzazione, pronta a cambiare le regole del gioco (alimentare)

Una protesta di Pacma a Pamplona

Non dimenticate i vegani. Già, proprio loro. Le prossime elezioni europee sono considerate da molti come un banco di prova per la tenuta dell’Unione europea, per l’avanzata delle forze euro-scettiche vista da praticamente tutti gli addetti ai lavori. Populisti, sovranisti, eurocritici, estrema destra: tutti temono queste forze. Ma al prossimo Parlamento si sarà anche un’altra componente, quella dichiaratamente e orgogliosamente Vegan.

La rivoluzione per le politiche comunitarie potrebbe arrivare dalla Spagna, dove il Partito animalista contro i maltrattamenti animali (Pacma), conta di far eleggere rappresentanti da far sedere sui banchi parlamentari di Bruxelles e Strasburgo. Veganismo quale via di riduzione e contrasto al surriscaldamento del pianeta: questo il programma di Pacma, che intende vietare zoo, circhi, corride, pesca e caccia in tutto il territorio dell’Ue.

Ma soprattutto, in tempi di avanzata delle destre e di arretramento delle politiche di parità di genere, Pacma si muove contro-corrente, con una base giovane, di sinistra e prevalentemente femminile. Un programma che sembra funzionare, visto che il Center for Sociological Research considera la formazione spagnola in crescita nei consensi e nei sondaggi. Loro, i diretti interessati, sono consapevoli della propria forza.

“Siamo convinti che otterremo una rappresentanza al Parlamento europeo e non escludiamo di dare una sorpresa alle elezioni generali”, sostiene Silvia Barquero, presidente di Pacma e candidata principale del partito a per l’Eurocamera. Dove formare alleanze non sarà così scontato.

Se è vero che Pacma, nato come movimento animalista, ha ampliato la propria agenda politica facendo proprie le tematiche di ambiente e sostenibilità, i partiti verdi non condividono la scelta del veganesimo, considerata troppo radicale. Su questo ci si scontrerà, anche perché Barquero non cambia idea e, quindi neppure linea. “L'industria del bestiame – denuncia la leader di Pacma – è responsabile per l'emissione di oltre il 18% dei gas serra, e in Europa il consumo di carne viene promosso con denaro pubblico”. Qualcosa che Pacma intende cambiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buone notizie per la frutta italiana: la vespa samurai sta uccidendo la cimice asiatica

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Vuoi aiutare la natura anche da morto? Ecco la bara di funghi per fertilizzare la terra

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • Il governo polacco collassa sulla legge per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia

  • L'Italia e altri sei Paesi Ue fanno blocco contro il Nutriscore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento