Pesca, M5s: "No a giochetti politici sulla pelle dei pescatori italiani"

L'eurodeputata 5 stelle D'Amato contro la prima bozza del piano pluriennale Ue per le attività a strascico nel Mediterraneo occidentale

"No alla proposta di Socialisti e Verdi del Parlamento Ue sul piano pluriennale per la pesca di specie demersali nel Mediterraneo occidentale". Lo dice l'eurodeputata del Movimento 5 stelle, Rosa D'Amato, in merito alla proposta avanzata dalla relatrice del piano per la pesca a strascico nel Mediterraneo occidentale, la spagnola Clara Aguilera Garcia.

"Si tratta di un piano che ci riguarda da vicino, visto che i Paesi interessati sono Italia, Francia e Spagna - spiega D'Amato - Negli scorsi giorni, abbiamo assistito al tentativo di forzare le procedure per aggirare il voto della plenaria del Parlamento e portare direttamente ai negoziati con Commissione e Stati membri un testo che infliggerebbe un duro colpo ai nostri pescatori. Non lo diciamo solo noi, ma tutte le organizzazioni di pescatori e i governi interessati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I limiti del testo presentato dalla relatrice, la socialista Aguilera Garcia e sostenuto dai Verdi, "sono tanti - attacca D'Amato - dalle quote annuali alla riduzione 'in modo sostanziale' degli sforzi di pesca, dai cavilli burocratici che non tengono conto delle specificità regionali fino alla mancanza di un chiaro sostegno del Feamp per gli arresti temporanei. Contro tutto questo, il Movimento 5 stelle sta dando battaglia in Parlamento e sono sicura che il fronte dei contrari è vasto. Sono contenta, pertanto, che la relatrice sia tornata sui suoi passi e abbia evitato di imprimere una accelerazione al testo che avrebbe di fatto escluso il Parlamento, ossia l’unica istituzione europea eletta dai cittadini, dal dire la sua. Forse le pressioni che ho fatto in questi giorni a Bruxelles hanno sortito un risultato: la pesca e i pescatori del Mediterraneo meritano rispetto", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento