rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
La misura

L'Ue accelera sui pesticidi biologici: "Autorizzazioni più semplici e rapide"

Via libera alle nuove norme che si applicheranno da novembre. Bruxelles vuole promuovere l'uso di microrganismi al posto dei fitofarmaci

La Commissione europea ha adottato nuove norme, che si applicheranno da novembre, per aumentare la disponibilità e l'accesso ai prodotti fitosanitari biologici da utilizzare nei campi degli Stati membri in sostituzione di quelli chimici.

La misura fa parte degli sforzi della strategia Farm to Fork, il testo su cui Bruxelles sta modellando il futuro dell'agroalimentare. Nel nome della transizione verso sistemi più sostenibili, la Commissione ha proposto di dimessare l'uso dei pesticidi chimici entro il 2030, promuovendo il settore biologico e l'uso della gestione integrata dei parassiti. I pesticidi biologici sono una forma di biocontrollo basato su organismi viventi (batteri, funghi o virus) per combattere le malattie delle piante. Allo stato attuale, più di 60 microrganismi sono approvati nell'Ue. Ma i fautori di questo tipo di approccio lamentano che le regole finora in vigore hanno provocato lungaggini nell'autorizzazione di tali pesticidi che ne hanno compromesso l'uso. Da qui le nuove norme varate fa Bruxelles.  

"La transizione verso sistemi alimentari più sostenibili significa trovare alternative ai pesticidi chimici che rispettino il nostro pianeta e la nostra salute", ha spiegato la commissaria alla Salute, Stella Kyriakides. "La Commissione eè impegnata a facilitare questo processo aumentando il numero di alternative biologiche e a basso rischio presenti sul mercato, abbiamo gia' approvato 20 alternative a basso rischio dall'inizio del nostro mandato", ha continuato Kyriakides.

"Con queste nuove regole, faremo in modo che le alternative biologiche possano raggiungere i nostri agricoltori ancora più velocemente. Più risorse investiamo collettivamente nella valutazione dei prodotti fitosanitari, più alternative sicure avremo per rispettare l'impegno di ridurre l'uso dei pesticidi chimici del 50% entro il 2030", ha aggiunto la commissaria. Bruxelles ha precisato che "le nuove regole metteranno le proprietà biologiche ed ecologiche di ciascun microrganismo al centro del processo di valutazione scientifica del rischio, che deve dimostrare la sicurezza prima che i microrganismi possano essere approvati come sostanze attive nei prodotti fitosanitari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ue accelera sui pesticidi biologici: "Autorizzazioni più semplici e rapide"

AgriFoodToday è in caricamento