Dopo 400 anni dall'estinzione nel Regno Unito torneranno i castori

Uno studio ha dimostrato che con le loro dighe contribuiscono a far aumentare le popolazioni di pesci nei fiumi e a ridurre le inondazioni

Foto Ansa EPA/MARTIN DIVISEK

I castori torneranno presto a fare parte della fauna selvatica inglese dopo che uno studio ha dimostrato che contribuiscono a prevenire le inondazioni e aumentare la fauna selvatica nel Devon. Come racconta The Telegraph questa sarà la prima volta che gli animali potranno vivere liberamente nel Regno Unito dopo essere stati portati all'estinzione dalla caccia 400 anni fa.

Per cinque anni, il Devon Wildlife Trust e l'Università di Exeter hanno studiato le conseguenze della presenza di un gruppo di castori recintati nel fiume Otter. I risultati del loro studio, pubblicato lo scorso ottobre, sono stati positivi e hanno rivelato che gli animali aumentano il numero di pesci e riducono le inondazioni locali costruendo dighe e creando nuovi habitat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla base di questa ricerca, il governo ha deciso di eliminare le recinzioni e lasciare che i castori possano vagare liberi e colonizzare i fiumi nel Devon, anche se i tempi dell'intervento non sono ancora stabiliti con precisione. Un intervento del genere è stato recentemente deciso anche per i bisonti, che saranno reintrodotti nel Paese in quanto ritenuti positivi per l'habitat naturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La misteriosa malattia che sta uccidendo i kiwi italiani

  • È mandorle mania, da 5 anni in Europa l'ingrediente più usato nei nuovi prodotti alimentari

  • Birra e patatine a rischio per il clima, il Belgio in allarme

  • Londra vieta i gruppi di più di sei persone, ma non se si va a caccia

  • "Carne contaminata venduta sul mercato", l'allarme degli ispettori sanitari europei

  • La cannabis no, i grilli sì: il rischio Ue per i cibi alla canapa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AgriFoodToday è in caricamento